Prometto d’esser delicato e lieve,

come foglia tremante d’inverno,

quanto ‘l canto d’un piccolo fringuello:

non come corpo volgare e greve.

 

Prometto di sfiorare appena la tua pelle bianca

per saggiarne ‘l suo morbido e ‘l suo profumo;

non sarò pesante, violento e duro:

sarò culla d’incanto per lasciarti dormire,

beata, sul mio caldo, ferito manto.

 

A te, amaro dolcissimo Miele,

donerò more, fragole fresche mele;

saggerai ‘l sapor del mio rosso sangue

che, lento dolente, scende dalle vene.

 

Stringimi e non lasciar me cadere:

sprofondo profondo nel tuo collo senza

fondo, m’immergo, sommergo: mi perdo

tra ‘l fumo, tra ‘l profumo imperituro,

il tuo sapore di màre, di vènto,

i tuoi pensieri vivi e senza tempo,

il tuo parlare, il tuo ascoltare,

il tuo guardarmi (tenero carezzarmi),

il tuo dito che la notte ‘ndicava,

il tuo labbro ch’il mio lento baciava.

 

Mo Cùishle, rimembro ancor (pien di terrore)

il tu’occhi tremore, marmor pallore;

Notte (dannata!) non mi lasci dormire:

mi prendi, mi pigli, mi tagli (Dolore!).

 

Non posso respirare, bere, magiare:

disprezzo il calore (freddo tepore);

m’attacca, m’avvinghia, m’ancide ‘l dolore:

Donne!, vi prego!, lasciatemi andare!

 

Lasciate ch’i’ crepi come vecchio cane,

sole d’ardore, afflitto dal torpore:

lo senti? lo sento… ancor poche ore

i’ho da soffrire (ahi!), ho da tremare.

 

Ch’è più sana e piacevol la morte in sé

che ‘l viver piangendo ‘l latte mai versato,

gustato, mai bevuto, assaporato:

Tu!, ancor Vacca, ancor ‘l latte conservi!

 

Ma io, c’ho d’abbaiare, scriver, parlare?

Io, cane nel notturno gelo, gelo!,

sto zitto, m’accuccio quatto (v’a dormire!).

 

Me ne resto sereno a stel guardare,

ammirare, cercar vago di toccare:

non ci riesco ch’io son pover, vecchio cane

e cane vecchio, pover resto.