Le esposizioni universali passate hanno sempre rappresentato le innovazioni, il benessere, la cultura di ogni paese. Ognuno raccontava al mondo i propri usi e costumi e ciò che pensava riguardo una determinata tematica, negli ultimi anni invece gli argomenti sono stati molto attuali, di capillare importanza per la nostra società.

L’Esposizione Universale di Milano offre al visitatore il punto di vista di ogni Stato sulla tematica del cibo, dando la possibilità di conoscere, apprezzare e assaggiare sapori diversi, condividendo inoltre idee e progetti su come azzerare la fame nel mondo.

L’Expo si sviluppa in modo lineare lungo una via di circa due chilometri: il “Decumano”, una vera e propria strada lungo la quale sono posizionati i vari padiglioni. Colorati, originali e accattivanti queste strutture stregano e incuriosiscono il visitatore che non può fare a meno che farsi coinvolgere nelle varie attività e progetti proposti.

Nel ventunesimo secolo la tecnologia domina il nostro quotidiano, in questa occasione è utilizzata anche per mostrare e per far percepire con tutti i sensi, le atmosfere dei vari paesi. Insomma un’opportunità irripetibile, un’occasione magica per conoscere il mondo così diverso ma allo stesso tempo accomunato dal desiderio di cambiamento e di innovazione.

E ora alcune consigli:

Cosa si mangia?

Siccome la tematica principale è appunto il cibo, vi consiglio fortemente di pranzare in uno dei numerosissimi padiglioni ristoranti nei quali si possono gustare le cucine tipiche dei vari paesi.

Da non perdere…

Alcuni padiglioni sono molto gettonati dai turisti e proprio li infatti si formano lunghe code in breve tempo. Il mio consiglio è quello di andarvi appena varcati i tornelli di ingresso, i padiglioni in questione sono: ONU, Brasile, padiglione Italia, Kazakistan e Giappone.

Da visitare assolutamente, oltre a quelli citati in precedenza, ci sono la Germania, la Polonia, la Corea e la Francia.

In viaggio…per davvero

Un’attività inoltre che propone Expo Milano 2015 è quella del “passaporto”, è possibile infatti per ogni paese che si visita lasciarsi timbrare il passaporto dell’expo o la cartina dell’esposizione, in tal modo una volta terminata la vostra visita avrete la vostra raccolta di paesi visitati.

Aspetti magici…

L’Albero della vita che si trova circa a metà del Decumano, offre spettacoli serali e diurni magnifici con scenografie, giochi d’acqua e un’illuminazione sorprendente.

Durante tutta la giornata, lungo la via principale si svolgono parate, spettacoli e musica che conferiscono alla visita un’atmosfera quasi fiabesca e gioiosa.

Allarme code!

Non lasciatevi spaventare in ogni caso da lunghe code, il più delle volte sono al massimo di quindici minuti, con l’ingresso di 80 persone alla volta ogni 6/8 minuti.

Non mi resta che augurarvi BUON VIAGGIO in un’interessante mondo colorato, speziato e frizzante in cui il cibo diventa il legame di diversi popoli.