PER ME IL CALCIO È PASSIONE.

newsrebecca2Mi chiamo Rebecca ho 16 e gioco a calcio perché è la mia passione. Pratico questo sport da quando ne ho 4. Iniziai con la categoria Piccoli Amici ovvero la prima categoria. Come Mister avevo Roberto Scandroglio che mi seguì fino all’età di 8 anni. Passai poi nella categoria Pulcini, Esordienti e Giovanissimi.

Da 8 anni sono allenata dal mister Victor Hugo Rodriguez e da Claudio Orfeo. Claudio è il preparatore dei portieri.

Un’ esperienza vissuta recentemente è stata andare a giocare nelle Marche con la tuta di rappresentanza della Lombardia: 12 ragazzi provenienti da tutta la Lombardia erano stati scelti per andare a giocare una settimana a calcio a 5.

REGOLE DEL GIOCO PER UN PORTIERE A CALCIO A 5:

Dal fondo, il portiere rimette sempre la palla solo con le mani. Quando para la palla può calciare con i piedi anche al volo e fare goal.

Il portiere, una volta giocata la palla, sia con le mani sia con i piedi, dal fallo laterale o per battere un calco di punizione, non può più toccare il pallone né con le mani, né con i piedi (calcio di punizione a 2) a meno che la palla sia toccata da un avversario. In questo caso, il portiere può giocare una sola volta e solo con i piedi, sempre per 4 secondi.

L’arbitro inizia a conteggiare i 4 secondi quando l’atleta ha il pallone giocabile (ad esempio la palla va fuori, il giocatore la raccoglie e porta il pallone sul punto dove battere il fallo, da questo momento inizia il conteggio).

Il fallo laterale va battuto con la palla ferma sulla linea o fuori dal campo al massimo a 25 cm dalla stessa linea, con entrambi i piedi FUORI DAL CAMPO. Se il piede calpesta soltanto la riga, senza entrare in campo, il fallo laterale è regolare.

newsrebecca3Se il campo è dotato di copertura, ad esempio una rete che impedisce al pallone di uscire dal rettangolo di gioco, e durante il gioco il pallone viene lanciato e va a colpire tale copertura, il gioco si ferma e viene fatto riprendere con un fallo laterale all’altezza del punto in cui la palla ha toccato la copertura.

I falli cumulativi sono 5 per ogni squadra. Se una squadra arriva al quinto fallo, dal sesto fallo in poi la squadra avversaria avrà diritto ad un tiro libero per ogni fallo subito fino alla fine del tempo (alla fine del primo tempo I FALLI SI AZZERANO PER ENTRAMBE LE SQUADRE).

Il tiro libero può essere calciato dal dischetto disegnato sul campo o nel punto dove si subisce il fallo, e il portiere può uscire dalla porta fino a 5 metri dal pallone.

In caso di calcio di rigore, il portiere deve rimanere fermo sulla riga di porta. Nel caso in cui l’arbitro conceda il vantaggio a seguito di un fallo, dovrà dichiarare che comunque quel fallo, anche se non fischiato, è un fallo cumulativo e lo annota sul taccuino.

Qualsiasi scivolata con la quale si colpisca, oltre alla palla, anche il giocatore, causa una PUNIZIONE DI PRIMA (o un calcio di rigore se avviene in area, e si segnala come fallo cumulativo). Se la scivolata eseguita frontalmente e lateralmente porta via il pallone senza toccare l’avversario è regolare.

Dal calcio d’inizio non si può segnare direttamente una rete.

 

DIMENSIONI DEL CAMPO DA GIOCO A 5

newsrebecca5