Quando la mia scuola, IPSAR “Luigi Carnacina” di Bardolino (VR), mi ha comunicato di essere stata selezionata per la partecipazione al progetto “PETER, ragazzi alla riscossa.L’eccellenza italiana nei mestieri d’arte” della Fondazione COLOR YOUR LIFE, presso l’hotel Hilton di Venezia non sapevo bene a cosa andassi incontro ma ho deciso comunque di mettermi in gioco.

Insieme alla mia professoressa abbiamo preparato un piccolo programma sui ‘Cocktail analcolici’ facendo qualche prova e studiando le tecniche da usare per la preparazione del cocktail. Ho sperimentato un cocktail nuovo che ho chiamato ” MagicSummer” composto da succo di pesca, arancia, sciroppo di granatina, lime e zucchero. Chi lo ha assaggiato è rimasto molto soddisfatto, poi mi è capitato di proporlo in diverse occasioni.

Nonostante tutto però, non posso negare di non essere stata preoccupata, avevo paura di non farcela, ma ormai ero iscritta: mi avevano scelto!

ajy5AudYGBMCjlvjDrmFUkS-IlYX5FQaX1p3SGC2FCMN0708uGnPZL_xTOApIo e i mieicompagni una volta arrivati all’ Hotel Hilton Molino Stucky, siamo stati accolti da William Salice, dal Food & Beverage Manager e dal General Manager che ci hanno raccontato le loro esperienze, dandoci l’opportunità di fare qualche domanda.

Il signor Fausto (che ci ha accompagnato durante la nostra permanenza in hotel) ci ha spiegato come si sarebbe svolta la competizione del venerdi mattina, e ho capito subito che sarei stata in grado di svolgerla, mi sono quindi tranquillizzata e ho affrontato la prova serenamente.

Il giorno seguente dopo la colazione, le cinque squadre divise per colore hanno avuto l’occasione di parlarsi e scambiare qualche consiglio con Nicolò Prati (secondo arrivato nella competizione del programma televisivo MasterChef), uno dei sette giudici della gara.

Verso le ore 10.00 tutti pronti e nello stesso tempo agitati, ci siamo messi all’opera per fare il meglio che potevamo! I ragazzi di sala per la preparazione della mise-en-place, quelli di cucina per la preparazione del piatto da proporre ai giudici e infine i ragazzi di ricevimento per la stesura di una piccola presentazione in italiano e inglese del lavoro svolto.

Purtroppo la mia squadra non ha ricevuto il premio per partecipare allo stage in uno dei tanti hotel Hilton, ma sono contenta di aver avuto l’opportunità di vedere come si lavora in un hotel come l’Hilton! Siamo arrivati terzi su cinque squadre, possimoa dirci comunque soddisfatti del risultato ottenuto, e posso ritenermi orgogliosa del lavoro che abbiamo svolto e dell’impegno che ci abbiamo messo.

Non solo è stata un’occasione per mettermi alla prova ma è anche stata un’opportunità per stare insieme ai miei compagni e  per conoscere i professionisti del settore della ristorazione.

Testo di Alice S.

16 anni

Pescantina (VR)

Foto di Davide C.

19 anni

Schio (VI)