“Bonfire night” è il nome che viene dato a vari eventi che hanno come protagonisti falò e spettacoli pirotecnici.

Dove nacque questa tradizione, ancora oggi è la location più celebre: a Lewes, in Inghilterra. Qui viene commemorato il fallimento della “congiura delle polveri” contro Giacomo I nel 1605.

Il piano dei congiurati era quello di far esplodere la camera dei Lord il giorno della sua apertura e con essa, al suo interno, il re e i rappresentanti del governo. L’attentato tuttavia venne sventato grazie a una lettera anonima.

La festa prende il nome da uno dei congiurati, Guy Fawkes. Ancora ai nostri giorni, viene lanciato tra le fiamme dei falò un bamboccio raffigurante l’uomo.

L’evento avviene il 5 Novembre di ogni anno e richiama un vasto pubblico, inglese e non solo. La festa dura fino a notte fonda, quando in cielo inizia lo show dei fuochi d’artificio.

Molti bambini amano questa celebrazione e anche se alcuni credono che sia una festa macabra e inadatta alle giovani menti influenzabili, io penso sia invece un’occasione per stare insieme e divertirsi.