Relazione sul COLORcampus 2016

L’esperienza di quest’ anno al COLORcampus 2016, è stata emozionante, piena di colori, di gente, ricca di espressioni nuove, e di espressioni già viste, di emozioni nuove, e di emozioni già vissute, è stata in una parola piena. Ho imparato cosa significa vedere un sogno nascere, un’ idea crescere, un progetto realizzarsi. Così ho imparato cosa significa essere un imprenditore, prima di se stessi, poi della propria azienda: significa tirare fuori tutte le proprie capacità, quelle doti nascoste, e metterle in primo piano per costruire il proprio sogno da zero. I COLOResperti sono stati pochi, ma ci hanno dato le giuste dritte ed i giusti consigli, il COLORenglish non c’era, ma i COLORcoach ci hanno fatto immergere per dieci mattine consecutive nella lingua inglese sulle spiagge di Loano. I ragazzi che ho incontrato, erano semplicemente fantastici, facce conosciute, facce care, facce nuove, ma una stessa unica vita comune per dieci giorni, posso assicurare a chiunque che un’ esperienza del genere cambia la vita. I COLORcoach sempre disponibili, e pronti ad aiutare in qualsiasi momento contribuiscono come gli altri a rendere quest’ esperienza unica. In fine i progetti! Solo chi trasforma i propri sogni in progetti, sa quanto è grande il piacere nel vedere che da un’ idea rivoluzionaria possa nascere un progetto rivoluzionario, un’ azienda rivoluzionaria  che riesca, se non a cambiare, a migliorare questo mondo in declino. Concentrarsi su di un solo progetto poi, fà capire quanto lavoro possa stare dietro ad ogni cosa, ed alla fine ci si affeziona più che mai alla propria idea. In conclusione, il COLORcampus 2016, è stato un’ esperienza di vita indimenticabile, ed un’ officina di idee ineguagliabile, perciò ringrazio tutte le persone che hanno contribuito a renderla così unica.

Margherita, Sognatrice