La tecnologia, anche se la nostra generazione non se ne rende conto, ha avuto uno sviluppo enorme negli ultimi 50 anni, basti pensare che intorno agli anni 70 fu inventato il primo computer e che ora, invece, ognuno di noi ne possiede almeno uno.
Questo sviluppo enorme della tecnologia, però, non si può dire che sia del tutto positivo; molti studi certificano che lo schermo degli apparecchi può arrecare danni soprattutto alla vista.

Una sindrome diffusa è la computer vision syndrome ovvero l’eccessivo affaticamento degli occhi dovuto alla prolungata esposizione a uno schermo.
In genere questa sindrome colpisce il 90% delle persone che stanno più di 3 ore davanti a uno schermo. Fino a un paio di decenni fa era raro che una persona stesse davanti al computer per più di 1-2 ore, ma ora che tutti hanno uno smartphone, queste tre ore fanno presto a passare, soprattutto per ragazzi che lo hanno con sè tutto il giorno.
Se questa sindrome non viene curata si può arrivare anche a danni più seri, si può notare benissimo quante persone portano gli occhiali, uno studio parla di 8 persone su 10, una statistica spaventosa.
Per ridurre i danni causati dallo schermo bisognerebbe ogni 20 minuti staccare lo sguardo per almeno 20 secondi e stare ad una distanza dal dispositivo di 30-40 cm.
Spero di avervi fatto capire il messaggio, non state troppo davanti allo schermo e andatevi a divertire all’aria aperta, quindi, mi raccomando, OCCHIO alla tecnologia.