RELAZIONE SULL’ESPERIENZA AL COLORCAMPUS 2016

“Ci rivediamo l’anno prossimo”. E’ questo il pensiero che, ormai da tre anni, rivolgo al mondo del COLORcampus, quando la mattina dell’ultimo giorno esco dal portone principale del COLORchiostro.

Quest’anno, a differenza dei due precedenti, noi COLORwinnerpiù, eravamo divisi in gruppi da tre e, per tutti e dieci i giorni, rappresentavamo un’azienda ed eravamo imprenditori di noi stessi.

Questo non mi ha permesso di conoscere e interagire con tutti gli altri COLOR, però mi ha consentito di instaurare un rapporto più intenso con alcuni di loro e credo sia per questo motivo che quest’anno è stato più “doloroso” lasciare il COLORcampus.

Inoltre, nonostante quest’anno non ci fossero le lezioni di inglese, noi COLOR, siamo stati costantemente impegnati alla realizzazione del nostro progetto e pertanto, nonostante i molti momenti piacevoli, è stata un’esperienza faticosa e impegnativa, ma essere imprenditori di se stessi vuol dire anche questo, mettersi in gioco in ogni tipo di situazione con la consapevolezza sia dei propri punti di forza che dei propri limiti, sempre però dando il meglio di noi in ogni occasione.

“Ci rivediamo l’anno prossimo”. E’ questo il pensiero che porterò con me per un anno intero.

Sara