Il giorno 17/03 Papa Francesco ha ricevuto in Vaticano, nella Sala Nervi, in un’udienza privata, più di 2000 studenti da tutto il mondo, che hanno partecipato a diversi Model United Nations.

I Model United Nations sono simulazioni di sedute delle Nazioni Unite (ONU), ad uso e consumo di tutti gli studenti di scuola secondaria di secondo grado. Si tengono sia in Italia (con edizioni in tutte le principali città italiane) dove prendono il nome di IMUN (Italian Model United Nations) sia in altre città nel mondo, fra cui a New York (NHSMUN), San Francisco (BMUN), Boston (HARVARDMUN) e Parigi (FMUN).

Tutte le simulazioni si svolgono in lingua inglese e rappresentano una sfida e un’esperienza estremamente formativa, oltre che un’ottima opportunità per vedere da vicino e in prima persona come funziona il mondo della diplomazia e delle relazioni internazionali. E quest’anno, per la prima volta, la United Network (l’associazione che organizza e gestisce tutte le simulazioni) ha ricevuto l’invito rivolto a tutti i suoi studenti per l’udienza del Papa, in occasione di una simulazione organizzata dall’Università americana di Harvard a Roma, dedicata agli studenti universitari (WORLDMUN).

Il Pontefice ha sottolineato l’importanza del dialogo e della reciproca comprensione e solidarietà in questi tempi molto travagliati, evidenziando come questa associazione si sia sempre posta in prima linea in termini di valorizzazione delle differenze e impegno comune. Nonostante le imponenti misure di sicurezza all’esterno del Vaticano e le lunghe code per entrare, gli studenti (soprattutto stranieri) erano entusiasti di vedere e sentir parlare dal vivo il Santo Padre, da molti considerato come una guida e un innovatore non solo per i cristiani, ma anche a livello di relazioni internazionali.

Il presidente stesso della United Network l’ha incontrato sul palco della sala e ha tenuto il discorso introduttivo, per sottolineare il proprio impegno a favore di un mondo e di un futuro più giusto e consapevole, anche attraverso la partecipazione alle simulazioni, esperienza di grande valore, che io stessa consiglierei a tutti.