Mondo

1.200 truppe britanniche da sostituire mentre gli equipaggi delle ambulanze scioperano

Londra —

Il governo britannico ha dichiarato domenica che invierà 1.200 soldati per sostituire gli autisti di ambulanze e il personale di frontiera in sciopero mentre diversi sindacati del settore pubblico si licenziano nella settimana prima di Natale.

Gli equipaggi delle ambulanze dovrebbero scioperare mercoledì, unendosi a infermieri, personale ferroviario, addetti ai passaporti e impiegati delle poste, che stanno tutti organizzando una serie di scioperi nelle prossime settimane.

L’ondata di scioperi più intensa del Regno Unito da decenni è una risposta a una crisi del costo della vita guidata dall’aumento dei prezzi del cibo e dell’energia a seguito della pandemia di COVID-19 e dell’invasione russa dell’Ucraina.

Nel mese di ottobre sono state perse circa 417.000 giornate lavorative, il numero più alto in un decennio.

I sindacati stanno cercando aumenti salariali per tenere il passo con l’inflazione, che era al 10,7% a novembre, leggermente in calo rispetto all’11,1% di ottobre ma ancora al massimo da 40 anni.

Il governo conservatore sostiene che gli aumenti a due cifre farebbero aumentare l’inflazione e ha cercato di addossare la colpa per l’interruzione ai leader sindacali. Nel tabloid Sun di domenica, il primo ministro Rishi Sunak ha bollato i capi sindacali “Grinches che vogliono rubare il Natale per i propri fini politici”.

Il ministro di gabinetto Oliver Dowden ha affermato che “sarebbe irresponsabile consentire che la retribuzione del settore pubblico e l’inflazione sfuggano al controllo”.

“Stiamo facendo progressi con l’economia. Non metterlo a rischio con queste richieste insostenibili”, ha detto alla BBC.

Il governo sta calcolando che l’opinione pubblica si rivolterà contro i sindacati mentre le persone in tutto il Regno Unito affrontano appuntamenti ospedalieri posticipati, treni cancellati e ritardi nei viaggi durante le festività natalizie. Ma i sondaggi di opinione mostrano un alto livello di sostegno per i lavoratori, in particolare gli infermieri, i cui scioperi in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord sono i primi nei 100 anni di storia del loro sindacato, il Royal College of Nursing.

Gli infermieri e il personale delle ambulanze affermano che continueranno a rispondere alle emergenze durante i loro scioperi.

“Ci siamo impegnati a far sì che i nostri membri si allontanino dai picchetti e salgano sulle ambulanze se ci sono emergenze che devono essere coperte”, ha affermato Onay Kasab, responsabile nazionale del sindacato Unite.

Ma Matthew Taylor, che dirige l’agenzia dei servizi sanitari, la Confederazione NHS, ha affermato che i pazienti saranno a rischio e ha invitato sia il governo che i sindacati a scendere a compromessi.

“Siamo in pieno inverno e abbiamo un servizio sanitario che, anche in una giornata normale senza azioni sindacali, ha difficoltà a far fronte”, ha detto alla BBC. “Quindi, ci saranno rischi per i pazienti. Su questo non ci sono dubbi.”

Ultime Notizie

Back to top button