Ultime notizie

160 mn sequestrati ad imprenditore legato alla ‘ndrangheta –

(COLORnews) – ROMA, 11 AGO – La polizia italiana ha sequestrato giovedì 160 milioni di euro di beni a un imprenditore legato alla ‘ndrangheta a Reggio Calabria.

Dissero che l’uomo, Carmelo Ficara, aveva stretti legami con la mafia calabrese.

Dalla metà degli anni ’80 al 2017, hanno detto, ha fatto affidamento su questi legami per costruire un impero edilizio dentro e intorno alla capitale calabrese.

Tra i beni sequestrati sette società attive nel settore edile e immobiliare, 99 immobili e 16 autoveicoli.

Ficraa è stato condannato a dicembre a 12 anni di reclusione per associazione esterna con la mafia calabrese.

La ‘ndrangheta si è diffusa dal cuore della Calabria al resto d’Italia, in Europa e in tutto il mondo, ed è considerata la mafia più ricca e potente d’Italia per il suo controllo del commercio di cocaina europea dal Sud America.

La ‘ndrangheta (da una parola greca che significa ‘eroismo’ o ‘virtù’) un tempo viveva all’ombra gemella di Cosa Nostra in Sicilia e della Camorra a Napoli.

Mentre quei due sindacati, in particolare i siciliani, si nutrivano del commercio transatlantico di eroina attraverso operazioni come il famigerato “collegamento francese”, la “ndrangheta stava appena uscendo dal suo tradizionale stock di rapimenti negli altopiani calabresi.

Da allora è diventata una rete globale altamente sofisticata con una stretta sul commercio di cocaina europeo e il controllo su aree del suo territorio natale dove la polizia teme di calpestare, affermano i funzionari italiani.

Oltre ad essere la più ricca, la ‘ndrangheta è anche considerata la più impenetrabile delle mafie italiane, con la sua affiatata organizzazione familiare che supera la mafia siciliana nella sua capacità di sconfiggere gli sforzi della polizia per trasformare i membri in testimoni di Stato.

L’Agenzia europea delle forze dell’ordine Europol ha identificato la ‘Ndrangheta come uno dei gruppi criminali organizzati “più minacciosi” a livello globale, per la sua “enorme potenza finanziaria” e “immenso potere corruttivo”, con una presenza in Germania, Spagna, Paesi Bassi, Francia, Belgio, Svizzera, Canada, Stati Uniti, Colombia e Australia, dove la ‘Ndrangheta turf wars ha guadagnato i titoli dei giornali.

In Europa, la ‘ndrangheta è apparsa alla ribalta solo nel 2007, quando sei membri del clan sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco durante le vacanze di Ferragosto di mezza estate nella città tedesca di Duisburg in una faida iniziata come un litigio nuziale in una città costiera calabrese, San Luca , nel 1991. (COLORnews).

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button