Cultura

250.000 offerte di lavoro nei viaggi e nel turismo minacciano la ripresa economica dell’Italia –

Un nuovo studio del World Travel & Tourism Council (WTTC) ha rivelato che la ripresa dei viaggi e del turismo in Italia potrebbe essere messa a repentaglio se un quarto di milione di posti di lavoro nel settore rimanesse vacante.

La ricerca ha analizzato la carenza di manodopera in Italia e in altre importanti destinazioni di viaggi e turismo, come Stati Uniti, Francia, Spagna, Regno Unito e Portogallo.

I dati mostrano che l’Italia è il più colpito dei paesi europei analizzati, con una carenza di ben 250.000 lavoratori, con un posto vacante su sei che probabilmente rimarrà vacante quest’anno. Secondo l’ente globale del turismo, il divario tra domanda e offerta dovrebbe essere ancora più elevato durante il picco del terzo trimestre, quando è probabile che la domanda del settore si avvicini ai livelli pre-crisi.

Prima della pandemia, nel 2019, quasi 1,4 milioni erano occupati dall’industria dei viaggi e del turismo in Italia. Ma il 2020 ha visto la perdita di oltre 200.000 posti di lavoro. L’Italia ha avuto una forte ripresa dal 2021, con un contributo del settore all’economia nazionale del 58,5%. Tuttavia, la carenza di personale è stata prevalente nel paese, con migliaia di posti vacanti che rimangono vacanti, mettendo il settore sotto forte pressione.

Il Ministro del Turismo italiano Massimo Garavaglia al Consolato Generale d’Italia a New York – Foto: Terry W. Sanders

L’analisi del WTTC mostra che si prevede che il settore alberghiero e il segmento degli agenti di viaggio in Italia saranno i più colpiti, affrontando rispettivamente più di un terzo (38%) e quasi la metà (42%) dei posti di lavoro vacanti. Julia Simpson, Presidente e CEO del WTTC ha dichiarato: “La ripresa economica dell’Italia sarà messa in serio pericolo se non avremo abbastanza persone per riempire i posti di lavoro vacanti. Se rimangono vacanti, smorzerà ulteriormente le possibilità di rilancio delle imprese di viaggio e turismo in tutta Italia che hanno lottato per più di due anni per sfuggire all’impatto della pandemia”.

La scorsa settimana il WTTC ha rivelato che fino a 1,2 milioni di posti di lavoro in tutta l’UE rimarranno insoddisfatti, con l’ospitalità, il trasporto aereo e le agenzie di viaggio che saranno le più colpite. Alcune delle misure chiave identificate nel rapporto sia per i governi che per il settore privato per affrontare il divario di talenti sono:

  • Facilitare la mobilità del lavoro oltre i confini internazionali, con politiche sui visti più favorevoli
  • Consenti il ​​lavoro flessibile e remoto ove possibile, consentendo opportunità part-time o basate su appaltatori, ove possibile
  • Garantire un lavoro dignitoso e vantaggi competitivi per i dipendenti e pacchetti retributivi
  • Attrarre talenti migliorando la percezione dei posti di lavoro e promuovendo percorsi di carriera praticabili con opportunità di crescita
  • Sviluppare e supportare una forza lavoro qualificata attraverso programmi educativi completi, nonché riqualificare e riqualificare i talenti attuali
  • Adottare soluzioni tecnologiche e digitali innovative per alleviare la pressione sul personale, migliorare le operazioni quotidiane e migliorare l’esperienza del cliente

L’ente globale del turismo ritiene che, implementando queste misure, le imprese di viaggio e turismo saranno in grado di attrarre più lavoratori.

Ciò a sua volta consentirebbe al settore di soddisfare la domanda sempre crescente dei consumatori e di accelerare ulteriormente la sua ripresa, che è la spina dorsale per generare benessere economico in tutto il paese.

Ultime Notizie

Back to top button