Mondo

3 favoriti mentre i cechi votano per il nuovo presidente

Praga —

Le elezioni presidenziali ceche inizieranno venerdì con un miliardario, un generale e un accademico che guideranno un probabile voto a due turni visto come troppo vicino per essere convocato.

Il vincitore sostituirà Milos Zeman, un veterano politico schietto, dopo un periodo segnato dalla presidenza dell’UE del paese nel 2022 mentre infuriava la guerra in Ucraina.

Il vincitore dovrà affrontare un’inflazione record nel paese dell’Europa centrale di 10,5 milioni di persone, oltre a enormi deficit delle finanze pubbliche legati alla guerra in Ucraina.

A meno che un candidato non vinca più del 50% a titolo definitivo, il che è considerato improbabile, i due migliori contendenti si affronteranno in un secondo turno il 27-28 gennaio.

“Se mi chiedessi di scommettere (sul risultato), non lo farei”, ha detto ad AFP Petr Just, politologo della Metropolitan University di Praga.

L’ex primo ministro populista Andrej Babis, il generale in pensione Petr Pavel e la professoressa universitaria Danuse Nerudova stanno lottando per diventare solo il quarto presidente da quando la Repubblica Ceca è stata fondata nel 1993 in seguito al crollo dell’Unione Sovietica.

Il magnate degli affari ed ex primo ministro Babis, 68 anni, è la quinta persona più ricca della Repubblica Ceca, secondo la rivista Forbes.

Pavel, 61 anni, è un ex paracadutista decorato come un eroe della guerra serbo-croata durante la quale ha contribuito a liberare le truppe francesi da una zona di guerra.

Ha continuato a essere il capo dello stato maggiore ceco e presidente del comitato militare della NATO.

Nerudova, la più giovane in testa a 44 anni, ha una forte attenzione alle questioni sociali e conta in gran parte sul sostegno degli elettori più giovani.

Sei vini, tre colpi

Al dibattito televisivo finale della campagna elettorale di giovedì scorso, Babis, Nerudova e Pavel hanno promesso di forgiare un percorso diverso dal divisivo Zeman se eletto.

“Tutti mi conoscono, sarò molto attivo, e il mio vantaggio è che ho l’esperienza di tutti i settori del governo”, ha detto Babis.

“Questa è una delle mie priorità, restituire dignità all’ufficio presidenziale”, ha detto Pavel ai giornalisti.

Nerudova, corteggiando i giovani elettori come “il rappresentante del futuro”, ha detto che una donna avrebbe portato un gradito cambiamento nel mondo in gran parte maschile della politica ceca.

“C’è molta aggressività nella nostra società e penso che una donna porterebbe empatia e più cultura politica”, ha aggiunto.

I sondaggi suggeriscono che sia Pavel che Nerudova batterebbero Babis se lo affrontassero al secondo turno.

Cinque candidati – due senatori, un parlamentare di estrema destra, un ex rettore universitario e un imprenditore – seguono i primi tre favoriti.

Il ruolo del presidente ceco è in gran parte cerimoniale, ma il capo dello stato nomina il governo, sceglie il governatore della banca centrale e i giudici costituzionali e funge da comandante supremo delle forze armate.

Ma Zeman, un politico controverso che una volta ha confessato di seguire una dieta quotidiana di sei bicchieri di vino e tre bicchierini di alcolici, ha ripetutamente sfruttato le falle della costituzione per aumentare la sua influenza.

I seggi aprono per il primo turno alle 14:00 (13:00 GMT) e chiudono alle 22:00. Poi riaprono dalle 8:00 alle 14:00 sabato.

I risultati del primo turno sono attesi sabato sera.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button