3 uomini accusati nel Regno Unito di aver assistito i servizi segreti di Hong Kong

Londra—

La polizia britannica ha accusato tre uomini di aver assistito i servizi segreti di Hong Kong nel contesto della crescente preoccupazione che stati ostili stiano cercando di interferire con la democrazia e l’attività economica nel Regno Unito

I tre uomini erano tra le 11 persone arrestate all’inizio di questo mese nello Yorkshire e a Londra dalla polizia antiterrorismo utilizzando le disposizioni di una nuova legge che consente la detenzione senza mandato di sospettati in casi di sicurezza nazionale e spionaggio. Gli altri otto sospettati sono stati rilasciati senza accusa.

Anche Chi Leung (Peter) Wai, 38 anni, Matthew Trickett, 37 anni, e Chung Biu Yuen, 63 anni, sono accusati di interferenza straniera, ha detto il servizio di polizia metropolitana. Lunedì compariranno alla pretura di Westminster.

“Sono stati effettuati numerosi arresti e perquisizioni in tutta l’Inghilterra come parte di questa indagine”, ha detto in una nota il comandante Dominic Murphy, capo del comando antiterrorismo del Met. “Sebbene guidata da Londra, la rete di polizia antiterrorismo è stata fondamentale per interrompere questa attività”.

L’annuncio arriva mentre il primo ministro Rishi Sunak si prepara a tenere un discorso lunedì in cui dovrebbe dire che la Gran Bretagna si trova ad affrontare un futuro sempre più pericoloso a causa delle minacce provenienti da un “asse di stati autoritari”, tra cui Russia, Cina, Iran e Nord Corea. Le tensioni con la Cina sono esplose lo scorso anno dopo che un ricercatore parlamentare è stato arrestato con l’accusa di spionaggio a favore di Pechino, accuse che i funzionari cinesi hanno definito una “diffamazione dannosa”.

L’ufficio di sicurezza di Hong Kong, la polizia di Hong Kong e l’ufficio del ministero degli Esteri cinese a Hong Kong non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Lo scorso anno il governo britannico ha approvato una nuova legge sulla sicurezza nazionale che ha conferito alla polizia ulteriori poteri per contrastare lo spionaggio straniero. La legislazione era necessaria per combattere la minaccia “in continua evoluzione” di interferenze straniere e in “risposta alla minaccia di attività ostili da parte di stati che prendono di mira la democrazia, l’economia e i valori del Regno Unito”, ha affermato il governo.

Gli arresti nel caso in questione sono stati effettuati l’1 e il 2 maggio. Le indagini continuano, ha detto la polizia.

Ultime Notizie

Back to top button