A Torino il G7 Ambiente, Energia, Clima – Politica

Si è aperta lunedì alla Reggia di Venaria di Torino la riunione 2024 dei ministri dell’Ambiente, dell’Energia e del Clima del G7.


L’incontro è stato preceduto dalle proteste di domenica contro l’incapacità dei leader mondiali di affrontare la crisi climatica causata dalle emissioni umane di gas serra, eliminando gradualmente, tra le altre cose, l’uso di combustibili fossili come petrolio, gas e carbone.


Il traffico è stato bloccato nella città settentrionale e durante le manifestazioni sono state bruciate le immagini del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, del primo ministro britannico Rishi Sunak e del premier italiano Giorgia Meloni.


“Abbiamo una grande responsabilità verso i nostri cittadini, verso i Paesi più vulnerabili e verso il pianeta”, ha affermato il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin aprendo la due giorni di lavori.


“Siamo nel mezzo di due conflitti innestati su crisi globali.


“La comunità internazionale attende il nostro messaggio”, ha aggiunto Pichetto Fratin, che presiede i lavori con l’Italia che detiene la presidenza di turno del G7.


“Il G7 è la sede giusta per pianificare azioni per una lotta più efficace contro il cambiamento climatico e l’inquinamento e per una transizione energetica giusta, inclusiva e sostenibile”.


Oltre ai ministri di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, agli incontri parteciperanno anche i commissari europei per l’energia, il clima e l’ambiente Kadri Simson, Wopke Hoekstra e Virginijus Sinkevičius.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button