Cultura

Abbott e Ducey danno a New York un assaggio della realtà della politica sull’immigrazione

Il governatore Greg Abbott e il sindaco Eric Adams stanno avendo una faida, una guerra di parole e, per estensione, lo sono anche gli stati del Texas e di New York. Il punto di contesa è il flusso infinito di migranti che attraversano il confine meridionale degli Stati Uniti verso gli stati vicini. Stati conservatori come il Texas e l’Arizona, già contrari in linea di principio a quella che percepiscono come una politica di “confine aperto”, stanno prendendo in parola gli stati liberali e inviano i loro migranti indesiderati a coloro che, almeno in teoria, li accolgono. Quindi, Abbot ha spedito autobus carichi di migranti in luoghi come Washington DC e New York City, città santuario che hanno una politica delle braccia aperte. Secondo il Texas Tribune, “la politica è un’espansione del piano del governatore per inimicarsi il presidente Joe Biden sulla sicurezza del confine”. Più che inimicarsi lo zio Joe, funziona come un’illustrazione della realtà quotidiana del tentativo di accogliere, se non di accogliere, un flusso infinito di persone.

I migranti sugli autobus che sono diventati una calamita per le notizie ad agosto, specialmente nelle testate giornalistiche conservatrici come Fox, non sono i primi che il governatore Abbott o il governatore dell’Arizona Ducey hanno lanciato in altri stati. Funzionari di New York hanno affermato che circa 4.000 richiedenti asilo sono arrivati ​​in città negli ultimi mesi. La maggior parte degli autobus dal Texas e dall’Arizona erano diretti a Washington DC

Il sindaco Adams ha espresso spesso l’opinione che New York accolga tutti e più di una volta ha invocato le parole sulla Statua della Libertà: “Dammi i tuoi stanchi, i tuoi poveri, le tue masse rannicchiate che bramano di respirare liberamente…” Apparentemente, Greg Abbott decise per testare la determinazione di Adams e del sindaco Bowser di Washington DC

In quella che può essere solo interpretata come una provocazione, Abbott ha affermato che New York, come Washington DC, è “la destinazione ideale per questi migranti, che possono ricevere l’abbondanza di servizi cittadini e alloggi di cui il sindaco Eric Adams si è vantato all’interno della città santuario ”, aggiungendo: “Spero che mantenga la sua promessa di accogliere tutti i migranti a braccia aperte in modo che le nostre città di confine invase e sopraffatte possano trovare sollievo”.

In precedenza, Abbott aveva scritto: “Adams ha parlato di essere una città santuario: accogliere gli immigrati illegali nella Grande Mela con calorosa ospitalità. Parlare è economico. Quando viene spinto ad adempiere a tali politiche sconsiderate, vuole condannare chiunque lo stia spingendo a camminare”.

Il sindaco Bowser è stato subito travolto dall’arrivo dei primi autobus, al punto che ha chiesto al Dipartimento della Difesa di inviare la Guardia Nazionale. Una vera crisi. Non sorprende che la richiesta abbia fatto infuriare le organizzazioni che da tempo assistono i migranti senza alcun sostegno cittadino o federale.

Il sindaco Adams sta accogliendo le “messe accalcate”? Attraverso i suoi portavoce, in numerose occasioni ha criticato la mossa di Abbott definendola “disgustosa”, “codarda” o “crudele”. Tuttavia, l’arrivo degli autobus quasi immediatamente ha causato il panico e ha affermato che mentre la città aveva il “mandato legale e morale di fornire un rifugio di qualità a chiunque si trovasse senza fissa dimora e di garantire che stiamo fornendo servizi adeguati ai richiedenti asilo”, l’afflusso lo ha portato rilasciare una “dichiarazione di appalto di emergenza”.

Già a luglio aveva chiesto che il governo federale aiutasse a pagare quella che, secondo lui, era “un’ondata di richiedenti asilo” che si riversava in città, e sosteneva che la rete di sicurezza della città era stata messa a dura prova dal carico di autobus dei nuovi arrivati.

Sembrerebbe esserci una buona dose di ipocrisia da entrambi i lati di questa navata ideologica. Da un lato Adams critica Abbott: “Penso che il governatore Abbott, quello che sta facendo sia così disumano”, accusando il governatore del Texas di “averli messi su un autobus per il viaggio di 44 ore, pochissime pause, niente cibo, niente direzione e informazioni chiare”.

Dall’altro, Adams si lamenta del fatto che “i richiedenti asilo stavano sopraffacendo i rifugi per senzatetto della città” e chiedevano aiuti federali per fornire servizi e riparo.

Ma non sono Abbott ad Ducey le persone che da anni si confrontano con questo problema? E che dire dei residenti di quegli stati di confine che hanno dovuto affrontare il sovraffollamento e tutte le altre condizioni che un tale afflusso di persone porta in una comunità? Ad Adams e Bowser non piace. Nemmeno Abbott e Ducey. C’è quasi una sorta di giustizia poetica nel fatto che ora le persone che affermano di essere accoglienti vengono messe alla prova.

E che dire di Catholic Charities, che opera per aiutare migranti, richiedenti asilo e rifugiati? Parlano di frustrazione e la chiamano crisi. Anche loro chiedono aiuto. “L’entità di questa situazione che stiamo vivendo ora richiede una portata più ampia di quella di New York City, nello stato di New York”, ha affermato monsignor Kevin Sullivan. “Richiede la risposta del governo federale a questa crisi”. Il cardinale Dolan ha sottolineato che le risorse delle Catholic Charities sono state tese e non sapeva quanto sarebbero state in grado di aiutare ad andare avanti.

In breve, tutti affermano di essere umanitari, ma stanno passando il dollaro quando si tratta di azioni concrete. Tutti la chiamano crisi e tutti hanno bisogno dell’aiuto del governo federale.

La strategia di Abbott, che mirava a “mostrare ai funzionari pubblici in tutto il paese… l’entità del caos creato dalle politiche di frontiera aperta di Biden” sembra funzionare. Indipendentemente dal fatto che tu sia un liberale o un conservatore e che tipo di politica sull’immigrazione ti stia bene – cancelli chiusi o braccia aperte – Abbott e Ducey hanno dato ad altri stati un assaggio di come appare la crisi sul campo.

Ultime Notizie

Back to top button