Cultura

Accoltellamenti casuali nella comunità indigena del Saskatchewan ne uccide almeno 10

Una follia di accoltellamenti in una comunità indigena e in un vicino villaggio nella provincia del Saskatchewan ha provocato almeno 10 morti e altri 15 feriti domenica. Le autorità canadesi cercano due sospetti “armati e pericolosi”.

La Royal Canadian Mounted Police del Saskatchewan ha dichiarato in una dichiarazione che “più” vittime sono state attaccate a caso in diverse località della James Smith Cree Nation e del villaggio di Weldon.

La polizia ha identificato due sospetti, Damien Sanderson e Myles Sanderson, che potrebbero viaggiare su una Nissan Rogue nera. La polizia ha detto che la loro direzione di viaggio era sconosciuta e che potrebbero aver cambiato veicolo.

Hanno raccomandato ai residenti dell’area intorno a Regina, il capoluogo di provincia, un rifugio sul posto, e hanno anche chiesto ai residenti delle vicine province di Alberta e Manitoba di prestare attenzione agli uomini. Non è stato subito chiaro se i due uomini fossero imparentati.

In una conferenza stampa domenica pomeriggio a Regina, Rhonda Blackmore, comandante della Royal Canadian Mounted Police, ha affermato che la polizia stava lavorando su 13 scene del crimine e che oltre ai 10 morti e 15 feriti, potrebbero esserci più vittime, secondo la Canadian Broadcasting Corporation.

Sulla scia degli accoltellamenti, la James Smith Cree Nation ha dichiarato lo stato di emergenza fino al 30 settembre, secondo quanto riportato dalla CBC.

Le informazioni su un movente non sono state immediatamente disponibili, anche se la polizia ha affermato domenica che gli accoltellamenti sembravano essere casuali.

Ultime Notizie

Back to top button