Politica

Anche l’approvvigionamento di minerali critici deve essere sostenibile per la transizione verso l’energia pulita dell’UE

L’Unione Europea è diventata un leader mondiale nel movimento verso una transizione verso l’energia pulita. Una parte centrale di questo movimento è stata il risultato della transizione dai combustibili fossili tradizionali, principalmente petrolio, gas e carbone, verso più aree che producono minori emissioni di gas serra, come l’energia eolica, solare, idroelettrica ed elettrica.

Il Adatto per 55 piano è servito come base per la transizione dell’UE verso la neutralità climatica entro il 2050 e una riduzione del 55% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005. Più recentemente, il REPowerEU il piano presentato dalla Commissione europea è servito come base per le future transizioni di energia pulita all’interno del blocco, sperando di ridurre le emissioni, insieme alla dipendenza in particolare dalle importazioni di combustibili fossili dalla Russia.

Tali considerazioni possono essere prese alla luce di questi recenti eventi, inclusa l’invasione in corso dell’Ucraina da parte della Federazione Russa, che ha richiesto a molti nell’Unione Europea di tornare a bruciare più carbone per soddisfare la domanda di energia, mentre successivamente si affrettano a non costringere i cittadini a rinunciare all’accesso all’energia a causa dell’aumento dei prezzi al consumo e dei servizi pubblici.

Inoltre, negli Stati Uniti, il Partito Democratico è stato in grado di far passare a fattura che è stato, sebbene non così ambizioso come dovrebbe essere fatto per quanto riguarda transizioni future più sostenibili, un altro passo avanti per il più importante alleato dell’Europa nella transizione verso un maggiore utilizzo delle energie rinnovabili.

L’UE ha fatto molta strada negli ultimi anni per ridurre le emissioni e migliorare gli standard ambientali per i cittadini del blocco. Andare verso la riduzione dei combustibili fossili a favore di soluzioni energetiche più sostenibili, in combinazione con obiettivi ambientali più ampi come affrontare l’inquinamento dei corsi d’acqua, il degrado forestale e la perdita di biodiversità, è il modo migliore in cui l’UE, insieme ai paesi di il globo, è un bene netto sia nel breve che nel lungo periodo. Tuttavia, nel realizzare questa transizione, una delle principali preoccupazioni per quanto riguarda la transizione energetica sostenibile è stata notevolmente sottovalutata e quasi ampiamente ignorata.

I minerali critici sono centrali nell’attuale traiettoria della transizione verso l’energia pulita. Minerali critici includere 30 materie prime classificate dalla Commissione Europea come critiche per la società e l’industria. Questi elementi sono centrali per la maggior parte delle moderne tecnologie e servono come base per l’approvvigionamento di materie prime che alimentano la transizione verso l’energia pulita.

Sebbene queste risorse minerarie siano fondamentali per la transizione verso l’energia pulita, l’estrazione e l’importazione di queste materie prime comportano preoccupazioni, tra cui l’interruzione degli ambienti locali, l’importazione da paesi che sono inaffidabili e tra i principali violatori dei diritti umani e ad alta intensità energetica in la propria produzione. In che modo, quindi, l’UE può adoperarsi per una transizione energetica pulita che si concentri sulle conseguenze di uno spostamento verso una maggiore dipendenza dai minerali critici?

È necessaria una prima considerazione della provenienza e della provenienza di questi minerali. Molti di questi elementi provengono da aree in cui i leader politici sono poco affidabili e i peggiori violatori dei diritti umani. La Cina è una major produttore di una rara collezione di minerali critici che sono fondamentali per la costruzione di prodotti tra cui veicoli elettrici, pannelli solari e batterie ricaricabili, e anche controlli la produzione mineraria di queste risorse in altri paesi.

La Russia è una chiave produttore di rame, nichel e platino, tra gli altri minerali e si è affermato anche in altri continenti, come l’Africa, insieme alla Cina nell’estrazione di minerali critici. La Repubblica Democratica del Congo, ad esempio, ne è la fonte oltre il 70 per cento delle forniture mondiali di cobalto, che viene utilizzato nelle batterie agli ioni di litio in sostituzione del gas naturale, dove Cina e Russia hanno punti d’appoggio nell’estrazione. La diversità dell’offerta sarà probabilmente la chiave per la transizione e l’UE deve mirare sia a ridurre la dipendenza dalla produzione cinese e russa di minerali critici sia a migliorare le condizioni dei diritti umani in questi paesi, nella misura in cui ciò sia possibile.

A lungo termine, il sostegno tecnologico dell’UE dovrebbe concentrarsi sulla riduzione della dipendenza dall’estrazione di risorse minerarie, che è ad alta intensità energetica e dirompente per l’ambiente locale. Sebbene la riduzione della dipendenza dai combustibili fossili richiederà una maggiore transizione verso l’estrazione di minerali critici, l’UE e i paesi di tutto il mondo dovrebbero garantire che non vi sia un’oscillazione troppo grande verso la sovrapproduzione di questi minerali. Una sovrapproduzione potrebbe comportare le conseguenze sopra menzionate, e probabilmente altre invisibili, che potrebbero creare i propri danni ambientali e sconvolgere sia il mondo naturale che il benessere delle comunità.

Il miglioramento dell’efficienza dei modi di trasporto e delle tecnologie che utilizziamo ogni giorno, a lungo termine, ridurrà la dipendenza da una più ampia dipendenza energetica in generale. I progressi tecnologici e la cooperazione all’interno dell’UE dovrebbero consentire una migliore regolamentazione degli investimenti e progressi nell’efficienza energetica per consentire agli sviluppi futuri di ridurre i danni ambientali e migliorare l’ambiente umano.

Edifici, come un grande di legno “grattacielo” in Svezia, sono un esempio dell’attuale quadro di come gli sviluppi futuri possono ridurre i materiali utilizzati per le parti necessarie della società e sono meno intensivi per l’ambiente.

Sebbene la transizione verso l’energia pulita sia certamente un bene netto per il benessere dell’ambiente e dell’ambiente futuro dei residenti in Europa, questa transizione non deve semplicemente spostare le conseguenze su diversi danni.

Concentrarsi sulla riduzione della dipendenza da paesi inaffidabili che sono i principali violatori dei diritti umani, garantire che la sovrapproduzione di minerali critici non si verifichi in futuro e puntare a ridurre ampiamente la necessità di produzione materiale e puntare invece a una maggiore efficienza nello sviluppo, deve essere centrale alla transizione verso l’energia pulita nell’UE e nel mondo.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button