Arriva la primavera per l’economia europea

Fondamentalmente, la più grande economia del blocco, la Germania, ha registrato un ritorno alla crescita, con il suo prodotto interno lordo in espansione dello 0,2% dopo la contrazione in entrambi i due trimestri precedenti. Il PIL della Francia è cresciuto dello stesso importo, mentre Spagna e Portogallo hanno registrato un impressionante aumento dello 0,7% ciascuno. L’economia italiana ha accelerato, in crescita dello 0,3% rispetto allo 0,1% del quarto trimestre del 2023.

Sebbene i dati mensili suggeriscano che i servizi siano stati in gran parte responsabili della ripresa, recentemente ci sono stati anche segnali di una stabilizzazione della produzione industriale, che era stata colpita dall’impennata dei prezzi dell’energia nel 2022, che ha aiutato la ripresa. La fiducia delle imprese tedesche, misurata dall’istituto Ifo, è in aumento durante tutto l’anno. Anche se ciò non ha ancora portato a una forte inversione di tendenza, la Repubblica Ceca e l’Ungheria, due paesi i cui settori manifatturieri sono profondamente integrati con quello tedesco, hanno entrambi riportato una crescita più forte del previsto nel trimestre martedì.

“Non si tratta di un fuoco di paglia”, ha scritto l’analista di Unicredit Andreas Rees riguardo ai dati tedeschi. “A nostro avviso, il peggio è finalmente alle spalle, poiché l’aumento del commercio globale ma anche i tassi di inflazione più bassi rispetto allo scorso anno porteranno probabilmente a un’ulteriore crescita moderata nei prossimi trimestri.”

Ultime Notizie

Back to top button