Mondo

Aumento globale della resistenza batterica al trattamento

Un rapporto pubblicato venerdì dall’Organizzazione mondiale della sanità indica livelli elevati – superiori al 50% – di resistenza batterica al trattamento in tutto il mondo, sulla base dei dati raccolti da 87 paesi dal 2020.

Lo studio, chiamato Global Antimicrobial Resistance and Use Surveillance System report, ha rilevato che livelli di resistenza superiori al 50% sono stati riportati in batteri come Klebsiella pneumoniae e Acinetobacter spp, che spesso causano infezioni del flusso sanguigno e delle ferite chirurgiche negli ospedali, nonché polmonite.

Queste infezioni potenzialmente letali richiedono un trattamento con potenti antibiotici “di ultima istanza”, come i carbapenemi. Tuttavia, lo studio ha anche rilevato che l’8% delle infezioni del flusso sanguigno causate da questi batteri è resistente ai carbapenemi, aumentando il rischio di morte a causa di infezioni non gestibili.

Lo studio ha rilevato che mentre la maggior parte delle tendenze di resistenza al trattamento è rimasta stabile negli ultimi quattro anni, le infezioni del flusso sanguigno dovute a e-coli, salmonella e gonorrea resistenti ai farmaci sono aumentate di almeno il 15% rispetto ai tassi del 2017.

In una dichiarazione, il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che “la resistenza antimicrobica mina la medicina moderna e mette a rischio milioni di vite”.

Ha chiesto più test microbiologici e dati di qualità superiore in tutti i paesi, “non solo quelli più ricchi”.

Lo studio richiede inoltre ulteriori ricerche per identificare le ragioni alla base dell’aumento della resistenza antimicrobica e come potrebbe essere correlato all’aumento dei ricoveri e al maggiore uso di trattamenti antibiotici durante la pandemia di COVID-19.

Ultime Notizie

Back to top button