Mondo

Azione sollecitata per garantire acqua sicura e servizi igienico-sanitari a livello globale

GINEVRA —

‘Organizzazione mondiale della sanità avverte che miliardi di persone che non hanno accesso ad acqua potabile sicura, servizi igienici e igiene sono a rischio di malattie infettive mortali. La scoperta appare nel rapporto Global Analysis and Assessment of Sanitation and Drinking-Water (GLAAS) dell’OMS e dell’UN-Water pubblicato questa settimana.

I dati raccolti da 121 paesi mostrano che miliardi di persone stanno affrontando una crisi sanitaria e gli stati devono agire con urgenza per migliorare l’acqua, i servizi igienico-sanitari e l’igiene, noto come WASH. Il rapporto, il più completo fino ad oggi, rileva che la maggior parte dei paesi non è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite di fornire acqua e servizi igienici per tutti entro il 2030.

Bruce Gordon è capo unità, acqua, servizi igienico-sanitari, igiene e salute presso l’OMS. Sebbene sia necessaria una drastica accelerazione, afferma che solo il 25% dei paesi è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo per i servizi igienico-sanitari e solo il 45% per l’acqua potabile.

((GORDON ATTO))

“Questo è sullo sfondo di un’enorme quantità di malattie da diarrea legate all’ingestione di acqua scadente, la causa principale della scarsa igiene. Mancanza di igiene delle mani che impatta anche sulle infezioni respiratorie. E così, quasi 2 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di acqua, servizi igienici e igiene mal gestiti”.

((FINE ATTO))

Gordon afferma che i paesi devono impegnarsi nuovamente per gli obiettivi che si sono prefissati per salvare quelle vite. Rileva che un’importante opportunità per farlo si verificherà durante una storica conferenza delle Nazioni Unite sull’acqua e i servizi igienico-sanitari a marzo. Per la prima volta in 50 anni, afferma, la comunità globale si riunirà per esaminare i progressi e assumere impegni volontari per migliorare la situazione idrica.

Il rapporto approfondisce l’impatto che gli eventi meteorologici estremi legati al clima hanno sull’ostacolo alla fornitura di servizi WASH sicuri. Gordon afferma che il rapporto sottolinea l’importanza della resilienza climatica e dell’adattamento ai cambiamenti climatici.

((2° ATTO DI GORDON))

“Eppure, quando guardiamo alla risposta politica, che si tratti di tecnologie resilienti ai cambiamenti climatici, ci sono cose semplici per evitare inondazioni o mitigare la siccità. Semplice gestione del rischio o semplici tecnologie. Questi non vengono messi in atto.

((FINE ATTO))

Il rapporto dell’OMS invita i governi ad aumentare drasticamente gli investimenti per estendere l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro. Li esorta ad aumentare il supporto per la fornitura di servizi WASH mettendo in atto sistemi di monitoraggio, funzioni di regolamentazione e sviluppo delle capacità.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button