Biden ammette di essersi “quasi addormentato sul palco” mentre inventa una scusa ridicola per il suo disastroso dibattito contro Trump

Il presidente Joe Biden ha attribuito la sua scarsa prestazione al fatto di aver girato il mondo prima del disastroso dibattito di giovedì.

L’81enne presidente ha fatto questa concessione durante una raccolta fondi tenutasi martedì sera nell’elegante sobborgo di McLean, in Virginia, a Washington.

Ha detto alla folla di non essere stato molto intelligente ad aver “viaggiato in giro per il mondo un paio di volte” prima del suo scontro con il presunto candidato repubblicano, l’ex presidente Donald Trump.

“Ho deciso di viaggiare in giro per il mondo un paio di volte… poco prima del dibattito… non ho ascoltato il mio staff… e poi mi sono quasi addormentato sul palco”, ha detto il presidente

Ha aggiunto: “Non è una scusa, ma una spiegazione”.

Il presidente Joe Biden ha detto a una raccolta fondi martedì sera che la sua scarsa performance nel dibattito era dovuta ai suoi viaggi consecutivi in ​​Europa, avvenuti più di una settimana prima che salisse sul palco giovedì ad Atlanta. È stato fotografato in precedenza al DC Emergency Operations Center

Il presidente Joe Biden ha sopportato una performance disastrosa nel dibattito contro Donald Trump ad Atlanta la scorsa settimana. Ha capovolto la corsa alla presidenza

Il presidente Joe Biden ha sopportato una performance disastrosa nel dibattito contro Donald Trump ad Atlanta la scorsa settimana. Ha capovolto la corsa alla presidenza

Biden ha trascorso un’intera settimana rintanato a Camp David per prepararsi al dibattito, dopo aver trascorso le festività del Juneteenth a Rehoboth Beach.

In precedenza aveva effettuato due viaggi consecutivi in ​​Francia per celebrare l’anniversario del D-Day e poi in Italia per il G7.

Martedì, il New York Times ha riferito che Biden era così esausto per il viaggio in aereo che i suoi consiglieri hanno abbreviato di due giorni la preparazione del dibattito, per riuscire a trovare il tempo per la gita al mare.

E poi, durante il ritiro presidenziale, la preparazione al dibattito non è iniziata prima delle 11 del mattino e a Biden è stato concesso del tempo ogni pomeriggio per fare un pisolino.

La raccolta fondi è stata programmata dopo che la portavoce stampa Karine Jean-Pierre è stata costretta a fornire le proprie spiegazioni sulla scarsa performance del presidente nel dibattito dal podio della Casa Bianca.

Gli scambi tesi dimostrano come la questione del declino del presidente oscurerà il resto delle elezioni di quest’anno, mentre i democratici nervosi iniziano a chiedere apertamente a Biden di farsi da parte.

“Non vogliamo sminuire ciò che avete visto voi o ciò che ha visto il popolo americano”, ha affermato Karine Jean-Pierre.

La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre è stata costretta a rispondere alle domande su Biden, se fosse disabile o affetto da demenza.

La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre è stata costretta a rispondere alle domande su Biden, se fosse disabile o affetto da demenza.

“Sappiamo che è stata una brutta serata. Non è insolito che i deputati in carica abbiano una brutta serata al loro primo dibattito, e continueremo a fare il lavoro che abbiamo fatto finora per conto del popolo americano”.

Le sue risposte furono accolte con incredulità nella sala stampa della Casa Bianca, quando spiegò che il presidente aveva semplicemente un raffreddore e non aveva intenzione di farsi da parte.

E fu tempestata di domande di approfondimento, chiedendo se avesse preso farmaci per il raffreddore prima del dibattito (no, disse) o se ci fosse qualcosa di ancora più grave che non andava in lui.

A un certo punto le è stato chiesto se lui fosse “disabile”.

Un altro giornalista ha chiesto: “Penso che il popolo americano debba ricevere una risposta affermativa o no a questa domanda: il presidente Biden, a 81 anni, soffre di Alzheimer, di qualche forma di demenza o di malattia degenerativa che ha causato questo tipo di cadute?”

Jean-Pierre rispose: “È un no. E spero che tu stia ponendo all’altro la stessa identica domanda”.

Il problema per la Casa Bianca e la campagna di Biden è che Trump è emerso come il chiaro vincitore del dibattito.

Biden ha guardato tutti gli 81 anni, mentre le sue risposte si bloccavano o si disperdevano in bizzarri non sequitur.

Non è stato in grado di contestare le esagerazioni e le falsità di Trump e, alla fine dei 90 minuti, è stato aiutato a scendere dal palco dalla moglie.

Biden ha tenuto un discorso martedì dopo aver ricevuto un briefing operativo sulle condizioni meteorologiche estreme presso il centro operativo di emergenza della Federal Emergency Management Agency a Washington, DC

Biden ha tenuto un discorso martedì dopo aver ricevuto un briefing operativo sulle condizioni meteorologiche estreme presso il centro operativo di emergenza della Federal Emergency Management Agency a Washington, DC

Da allora, le sue scarse prestazioni hanno dominato i titoli dei giornali, scatenando il panico tra i donatori democratici che temono che la sua campagna stia precipitando verso il disastro.

Non saranno d’aiuto le domande in sala stampa sulle condizioni di salute di Biden alla fine del secondo mandato e sulla demenza.

Jean-Pierre ha fatto del suo meglio per tracciare una linea sotto il dibattito. Ha dipinto l’immagine di un presidente impegnato a lavorare, che si è recato nel Wisconsin più avanti nella settimana, si è seduto per un’intervista con George Stephanopoulos di ABC News e ha ospitato una conferenza stampa da solo la prossima settimana quando i leader della NATO saranno in città.

Ha anche confermato che avrebbe tenuto un incontro virtuale con i governatori democratici, ma non ha voluto rispondere alle domande sul fatto che l’incontro fosse finalizzato a offrire rassicurazioni.

“Vogliamo voltare pagina e vogliamo farlo anche per il popolo americano, perché sappiamo che hanno bisogno di vederlo là fuori”, ha affermato.

Se ciò sarà sufficiente a placare la crescente preoccupazione tra donatori e strateghi è un altro discorso.

Molti hanno dichiarato al DailyMail.com di essere rimasti stupiti dal fatto che il presidente si fosse ritirato durante il fine settimana, anziché lanciare immediatamente una controffensiva.

Martedì, le chiacchiere private sono esplose quando i primi democratici eletti hanno chiesto pubblicamente il ritiro di Biden dalla corsa.

Il deputato del Texas Lloyd Doggett è diventato il primo membro democratico del Congresso a chiedere le dimissioni di Biden.

“La mia decisione di rendere pubbliche queste forti riserve non è stata presa alla leggera e non diminuisce in alcun modo il mio rispetto per tutto ciò che il presidente Biden ha realizzato”, ha affermato.

“Riconoscendo che, a differenza di Trump, il primo impegno del presidente Biden è sempre stato nei confronti del nostro Paese, non di se stesso, spero che prenderà la dolorosa e difficile decisione di ritirarsi. Lo invito rispettosamente a farlo”.

Ultime Notizie

Back to top button