Bidens ha festeggiato per la visita di stato in Francia, dove a parlare è stata la moda

PARIGI—

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha concluso la sua visita in Francia sabato con una visita di stato tres-chic, concludendo in bellezza un viaggio che lancia una frenetica spinta diplomatica di sei settimane che secondo gli analisti potrebbe alterare radicalmente l’architettura di sicurezza dell’Europa, proprio come il continente tiene elezioni parlamentari che potrebbero spostare drasticamente la politica verso l’interno in un momento in cui Biden sottolinea la necessità di unità globale.

Leonie Allard, visiting fellow presso il Centro Europeo del Consiglio Atlantico ed ex funzionario della difesa francese, ha dichiarato a ColorNews: “Credo che ci troviamo in una sequenza molto significativa, non solo per l’Ucraina, ma davvero per il futuro della sicurezza europea, il futuro di l’architettura europea. Con l’arrivo del vertice della NATO, con l’arrivo del vertice del G7, con le elezioni europee, le elezioni americane – è sicuramente un punto di svolta per il futuro dell’architettura in Europa”.

A complicare ulteriormente le cose: nei prossimi giorni, centinaia di milioni di elettori europei eleggeranno i membri del Parlamento europeo composto da 720 persone. Se gli elettori scegliessero rappresentanti di destra, dicono gli analisti, ciò potrebbe spostare il continente verso l’interno in un momento critico.

“Voglio dire, ci saranno molti membri di estrema destra che complicheranno le cose, ma potrebbero non essere necessariamente uniti”, ha detto Matthias Matthijs, membro senior per l’Europa presso il Council on Foreign Relations, o CFR. “Quindi, in questo senso, i prossimi sei mesi saranno molto – ci sarà molta attenzione all’ombelico sia nell’UE che negli Stati Uniti piuttosto che concentrarsi sul resto del mondo”.

E, ha detto Charles Kupchan, membro senior del CFR e professore di affari internazionali alla Georgetown School of Foreign Service, anche la fiducia dell’Europa in Washington è a rischio.

“Anche se Biden dovesse conquistare gli americani, gli europei stanno ponendo domande difficili sull’affidabilità americana, e abbiamo avuto una pausa di sette mesi nel flusso di aiuti all’Ucraina anche con un atlantista e un multilateralista nello Studio Ovale, e ora” Ci troviamo in una situazione in cui il probabile prossimo presidente, il leader nei sondaggi, è un criminale condannato, e che ora sta avendo molto successo in Europa e sta facendo grattare la testa a molti europei”, ha affermato. disse.

“Chiaramente, sotto la superficie della solidarietà di cui l’Alleanza Atlantica gode, tutti – tutti – saranno preoccupati per il populismo illiberale su entrambe le sponde dell’Atlantico e per l’esito delle elezioni di novembre qui negli Stati Uniti”.

Il presidente francese Emmanuel Macron, che si è rivolto a Biden chiamandolo “cher Joe” – “caro Joe” – ha affermato che i leader hanno effettivamente discusso della necessità di unità in Ucraina e dell’impatto del sostegno statunitense, nonché dell’importanza dei prossimi vertici internazionali nelle prossime settimane. Nel complesso, i due leader hanno rispettato le aree di accordo, tralasciando gli argomenti su cui potrebbero non essere del tutto d’accordo.

“Grazie per essere al fianco dell’Europa”, ha detto Macron.

Ha anche parlato del conflitto divisivo a Gaza, parlando a sostegno del piano di cessate il fuoco sostenuto dagli Stati Uniti che Hamas e Israele hanno rifiutato e sollecitando il gruppo militante a rilasciare tutti gli ostaggi presi durante l’assalto del 7 ottobre contro Israele.

Biden ha fatto eco a questi pensieri e ha insistito sulla solidarietà durante la sua unica opportunità di parlare in pubblico sabato, dicendo: “La Francia è stata la nostra prima amica. Resta uno dei nostri migliori amici”.

La first lady francese Brigitte Macron, il presidente francese Emmanuel Macron, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e la first lady americana Jill Biden posano prima di una cena ufficiale di stato come parte della visita di stato di Biden in Francia, al Palazzo presidenziale dell’Eliseo a Parigi l’8 giugno 2024.

Ma ora: la moda

Nessuno di questi problemi pesanti era presente quando i Biden sono arrivati ​​sabato al Palazzo dell’Eliseo, baciato dal sole, per una visita di stato: lui con un abito gessato blu scuro dalle spalle morbide e una cravatta jacquard del colore di un cielo tempestoso, e Jill Biden in un midi abito lungo in una delicata tonalità rosa con un’alta fascia nera sotto la cassa toracica, con slingback a punta bianche e nere e una borsa squadrata trapuntata dell’amata casa di moda francese Christian Dior.

Ha completato l’insieme con una collana con colletto in stile georgiano ricoperta di cristalli, del tipo spesso sfoggiato dalla redattrice di moda a cui è stato attribuito il merito di aver rimodellato radicalmente l’archetipo sartoriale delle potenti donne americane, la redattrice di Vogue Anna Wintour.

I Macron erano più scuri, entrambi anche in blu: lui indossava un abito profondo qualche sfumatura di nero con una cravatta abbinata, lei un abito color cobalto brillante al ginocchio con un cappotto abbinato e décolleté a spillo a punta.

Queste scelte, dicono gli esperti di moda, la dicono lunga quando i leader sono spesso riluttanti a parlare, specialmente in questi tipi di eventi di grande impatto visivo. E questi si notano in Francia, dove il palazzo presidenziale si trova in una stradina nel centro di Parigi, fiancheggiata da alcune delle migliori case di moda della nazione, tra cui Chanel, Givenchy, Hermes e St. Laurent.

ColorNews ha lanciato una teoria a Rachel Tashjian, scrittrice di moda del Washington Post: secondo cui l’umore del presidente americano può essere misurato dal blu del suo abito, che può variare da profondo e scuro negli eventi formali, a quasi oltremare per le occasioni più spensierate. In effetti, Biden ha indossato blu in varie tonalità durante la sua visita in Francia, incluso, per le commemorazioni cupe ed emozionanti dell’80° anniversario del D-Day, un abito blu scuro così scuro che sembrava inghiottire tutta la luce nel suo tessuto.

“È una teoria interessante”, rispose Tashjian, forse diplomaticamente. “Penso che sia un colore in cui si sente sicuro… E penso che per lui promuova anche un’immagine di stabilità, probabilmente, sai, lo vediamo sempre uguale. E la stabilità è qualcosa che sembra molto importante e centrale nel suo messaggio”.

Per quanto riguarda la first lady, Tashjian ha detto: “Guardo molti degli abiti che indossa, che molto spesso sono abiti floreali con silhouette o tagli piuttosto tradizionali o classici. E hai la sensazione di capire cosa sta cercando di dire, sai, sta cercando di dire: “Sono riconoscibile, sono una forza di gioia e felicità”. E sai, penso che tu possa vedere anche il suo background come educatrice. Molto spesso lei mi ricorda, le sue scelte di abbigliamento mi ricordano cose che indossavano i miei insegnanti quando ero piccola. E penso che questa sia una parte importante di ciò che fa e, ancora una volta, c’è un senso di utilità anche quando indossa i tacchi alti.

Ultime Notizie

Back to top button