Bolsonaro-Lula, corsa alla presidenza in Brasile, secondo i sondaggi

L’accesa corsa presidenziale del Brasile si è stretta prima del voto di domenica, come hanno mostrato diversi sondaggi di opinione sabato (29 ottobre), con il presidente di destra Jair Bolsonaro che ha eroso un leggero vantaggio per lo sfidante di sinistra Luiz Inácio Lula da Silva nella maggior parte dei sondaggi.

I sondaggi dei sondaggisti Datafolha e Quaest hanno entrambi mostrato Lula con il 52% dei voti validi contro il 48% di Bolsonaro, in calo da un vantaggio di 6 punti percentuali tre giorni prima, mettendo l’incumbent a poca distanza da una vittoria rimonta.

Un sondaggio del sondaggista MDA ha mostrato che il vantaggio di Lula è scivolato a soli 2 punti percentuali, pari al margine di errore per il sondaggio commissionato dalla lobby del settore dei trasporti CNT.

La maggior parte dei sondaggi suggerisce ancora che Lula sia il leggero favorito a tornare per un terzo mandato, coronando un notevole rimbalzo politico dopo la sua incarcerazione per condanne per innesto che sono state ribaltate. Ma Bolsonaro ha sovraperformato i sondaggi d’opinione al primo turno di votazione del 2 ottobre e molti analisti affermano che le elezioni potrebbero andare in entrambi i modi.

I sondaggi di opinione finali dei sondaggisti IPEC e AtlasIntel, tuttavia, hanno mostrato che Lula detiene un vantaggio stabile e leggermente maggiore.

L’IPEC ha mostrato alla sinistra un vantaggio dal 54% al 46% dei voti validi, esclusi gli elettori indecisi e coloro che intendono rovinare le proprie schede. AtlasIntel, tra i sondaggisti più accurati al primo turno, ha mostrato che il vantaggio di Lula si mantiene a 7 punti percentuali.

Bolsonaro ha concluso la sua campagna nello stato chiave del Minas Gerais, guidando un raduno motociclistico con i sostenitori. Lula ha camminato con migliaia di sostenitori su una delle strade principali di San Paolo dopo aver detto ai giornalisti stranieri che il suo rivale non era in grado di governare.

Le figure profondamente polarizzanti hanno anche attaccato il carattere e il record l’uno dell’altro nel loro dibattito televisivo finale venerdì sera. Bolsonaro ha aperto il dibattito negando le notizie secondo cui potrebbe annullare il salario minimo dall’inflazione, annunciando invece che lo avrebbe aumentato a 1.400 reais ($ 260) al mese se rieletto, una mossa che non è nel bilancio 2023 del suo governo.

Con le loro campagne incentrate sull’influenza dei voti indecisi cruciali, gli analisti hanno affermato che il presidente ha guadagnato poco terreno nel dibattito per vincere una gara che i sondaggi si erano mostrati più o meno stabili da quando Lula ha guidato il voto al primo turno di 5 punti percentuali.

Quel risultato è stato migliore per Bolsonaro di quanto la maggior parte dei sondaggi avesse mostrato, dandogli una spinta per iniziare il mese, ma le ultime due settimane della campagna hanno presentato venti contrari.

Una settimana fa, uno degli alleati di Bolsonaro ha aperto il fuoco contro gli agenti di polizia federale che stavano venendo ad arrestarlo.

Domenica, uno dei suoi più stretti collaboratori, la deputata Carla Zambelli, ha inseguito un sostenitore di Lula in un ristorante di San Paolo sotto la minaccia di una pistola dopo una discussione politica in strada, come hanno mostrato i video sui social media. Zambelli ha detto ai giornalisti di aver consapevolmente sfidato una legge elettorale che vieta il porto di armi da fuoco 24 ore prima delle elezioni.

Nel loro primo dibattito testa a testa questo mese, Lula ha criticato la gestione da parte di Bolsonaro di una pandemia in cui sono morti quasi 700.000 brasiliani, mentre Bolsonaro si è concentrato sugli scandali dei trapianti che hanno offuscato la reputazione del Partito dei Lavoratori di Lula.

Venerdì sera, entrambi i candidati sono tornati ripetutamente ai due mandati presidenziali di Lula dal 2003 al 2010, quando i prezzi elevati delle materie prime hanno contribuito a rilanciare l’economia ea combattere la povertà. Lula ha promesso di far rivivere quei tempi del boom, mentre Bolsonaro ha suggerito che gli attuali programmi sociali sono più efficaci.

Ultime Notizie

Back to top button