Cultura

Boomer, X, Y e Z. Chi è chi e come sono –

Cosa separa la generazione Y dalla X? E che dire della Gen Z e della Gen A? Qual è il limite per ciascuno? Quanti anni ha ogni generazione? Sono davvero così diversi? È facile capire perché c’è così tanta confusione sulle coorti generazionali. Se ti sei mai sentito confuso da questa “zuppa di alfabeti” di nomi, non sei solo. Ma oggi faremo chiarezza su questo argomento oscuro.

Cos’è una generazione? Ai vecchi tempi significava “tutte le persone nate e vissute più o meno allo stesso tempo, considerate collettivamente”. E, “il periodo medio, generalmente considerato circa 20–30 anni, durante la quale i bambini nascono e crescono, diventano adulti e iniziano ad avere figli”. Questo periodo da 20 a 30 anni si è ora ridotto a circa 15, ogni “generazione” ha la sua etichetta e le sue caratteristiche percepite.

La ripartizione per età si presenta così:

  • Baby Boomers: nati tra il 1946 e il 1964. Attualmente hanno un’età compresa tra 59 e 77 anni (71,6 milioni negli Stati Uniti)
  • Gen X: nato tra il 1965 e il 1979/80 e attualmente tra i 43 e i 58 anni (65,2 milioni di persone negli Stati Uniti)
  • Gen Y: Chiamati anche Millennials, sono nati tra il 1981 e il 1994/6. Attualmente hanno tra i 27 e i 43 anni (72,1 milioni negli Stati Uniti)
  • Gen Z: l’ultima generazione, nata tra il 1997 e il 2012. Attualmente hanno tra i 10 e i 25 anni (quasi 68 milioni negli Stati Uniti)
  • Gen A: inizia con i bambini nati nel 2012 e continuerà almeno fino al 2025, forse più tardi (circa 48 milioni di persone negli Stati Uniti)

In origine, il nome Generazione Z era un segnaposto per i più giovani del pianeta, ma ora la Generazione A ha preso il sopravvento. Quindi sembra che potremmo ricominciare dall’inizio dell’alfabeto.

Perché le generazioni prendono il nome da lettere? Fino al 1970 circa, le generazioni non avevano nemmeno un nome. Dopo gli anni ’70, le generazioni sono state nominate: Greatest Generation, Baby Boomers e Millennials sono state le più recenti. Poi abbiamo iniziato a usare le lettere dell’alfabeto. Ciò è accaduto soprattutto quando i guru del marketing si sono resi conto che il “branding” di una generazione rendeva più facile identificare la loro personalità collettiva (come se potesse esistere una cosa del genere!) e l’hanno sfruttata per scopi di marketing, ingrassando i loro profitti nel processo.

Raggruppando un’intera fascia di persone solo perché sono nate entro un certo intervallo di anni, è inevitabile che ci sia uno stereotipo per ciascuna di esse.

  • Baby boomer: altamente competitivi sul posto di lavoro, genitori di una classica famiglia americana e pensano di essere in contatto con la tecnologia, ma non lo sono.
  • Generazione X: eccessivamente indipendente, divorziata, negativa e cinica.
  • Millennials: ossessionati dai toast all’avocado, i panini da uomo d’amore, intitolati, stabiliscono aspettative irrealistiche e sono esperti di tecnologia.
  • Generazione Z: costantemente sui social media, ossessionata dalla popolarità e dalla “Tide Pod Challenge”.

Come tutti gli stereotipi, dovremmo prenderli con le pinze.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button