Cultura

Called Honor Killing –

È stato pubblicato un video scioccante che mostra un uomo iraniano sorridente mentre cammina per le strade di Ahvaz, una città nella provincia sud-occidentale del Khuzestan, con la testa mozzata della moglie di 17 anni in una mano e una lama nella altro, dopo averla presumibilmente decapitata in un “delitto d’onore”. Questo non è un evento unico, poiché ci sono stati altri incidenti simili anche nel recente passato.

In un rapporto pubblicato nel 2019, lo Stato gestisce Est quotidiano ha scritto che in Iran si registra una media annuale di 375-450 delitti d’onore. Il rapporto afferma che: “Il catastrofico aumento dei delitti d’onore in Iran è radicato nella misoginia e nella cultura patriarcale istituzionalizzata nelle leggi e nella società. Sebbene il padre, il fratello o il marito tengano il coltello, la falce o il fucile, gli omicidi sono radicati nella visione medievale del regime al potere”.

Sajjad Heidari cammina per le strade. Foto: video di Facebook.

La ragazza, variamente identificata come “Mona” o “Ghazal”, che era anche cugina di Sajjad, era stata costretta a sposarlo quando aveva appena 12 anni, secondo il Comitato delle Donne del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran. Secondo quanto riferito, ha subito abusi domestici, ma è stata costretta a rimanere nel matrimonio per il bene del figlio di tre anni e per non svergognare le famiglie coinvolte, secondo le usanze prevalenti.

L’agenzia di stampa ufficiale della Repubblica islamica iraniana (IRNA) ha definito il presunto omicidio un “delitto d’onore”. In un’intervista pubblicata dall’agenzia di stampa semiufficiale iraniana FARS, si dice che la madre di Sajjad Heidari abbia affermato che suo figlio aveva minacciato di uccidere sua moglie in precedenza ed era responsabile della sua uccisione.

Mona era fuggita in Turchia quattro mesi prima ed è stata successivamente persuasa a tornare in Iran dal padre, secondo un’intervista alla suocera della ragazza, pubblicata su Fars. È tornata dalla Turchia venerdì ed è stata uccisa poco dopo. Heydari è stato arrestato, insieme a suo fratello, che presumibilmente lo ha aiutato a commettere il crimine, ha detto a Fars il pubblico ministero Abbas Hosseini Pouya.

L’incidente ha spinto il governo iraniano a portare avanti la revisione di un disegno di legge che mira a proteggere le donne dalla violenza domestica, ha affermato in un tweet Ensieh Khazali, vicepresidente per le donne e gli affari familiari, una posizione a livello di gabinetto, secondo IRNA .

“La magistratura è determinata a infliggere la punizione più severa (l’assassino e un sospetto complice) in conformità con la legge”, ha detto Khazali.

Gli attivisti per i diritti delle donne iraniane hanno fatto una campagna per una legge del genere per anni al fine di prevenire “la violenza contro le donne e perseguire i loro aggressori”, ha affermato Human Rights Watch (HRW) nel 2020.

Hadi Ghaemi, direttore esecutivo del Center for Human Rights in Iran (ICHRI) con sede a New York, ha affermato che “la sposa bambina decapitata … potrebbe essere viva oggi se il governo iraniano avesse emanato leggi contro la pratica crudele dei matrimoni precoci e protezioni contro la violenza domestica”.

Il crimine arriva solo due anni dopo un altro “delitto d’onore” di alto profilo, in cui una 14enne sarebbe stata uccisa da suo padre con una falce dopo essere scappata dalla sua casa di famiglia nella contea di Talesh, nel nord dell’Iran, con un 29 -uomo di un anno.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button