Chi è Maria Arena, la 4a europarlamentare raggiunta al Qatargate?

BRUXELLES E poi c’erano quattro.

La deputata belga Maria Arena è diventata questa settimana il quarto membro attuale del Parlamento europeo ad essere completamente coinvolto nello scandalo di corruzione del Qatargate, sette mesi dopo che una serie di arresti di alto profilo ha scosso l’UE nel profondo.

Rimane indiscussa, non accusata e le autorità belghe non hanno presentato alcuna richiesta di revoca della sua immunità parlamentare. Ma mercoledì la polizia ha condotto sei irruzioni nelle proprietà legate all’eurodeputato belga e alla sua famiglia, nell’ultimo colpo di scena di uno scandalo che quest’anno ha provocato un esame di coscienza e riforme etiche nella capitale dell’UE.

L’ex vicepresidente ed eurodeputata greca Eva Kaili, l’eurodeputato belga Marc Tarabella e l’eurodeputato italiano Andrea Cozzolino sono stati arrestati e incriminati nello scandalo, mentre Pier Antonio Panzeri, un ex eurodeputato, ha ammesso la sua colpevolezza e ha concluso un patteggiamento in cambio di una pena ridotta quando sarà il momento.

Arena ei quattro attuali o ex legislatori accusati dello scandalo hanno costruito la loro carriera nel centrosinistra e si sono seduti nel gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo. Kaili, Tarabella e Cozzolino sono stati tutti espulsi dal gruppo all’inizio di quest’anno.

Sebbene l’Arena di lingua italiana abbia negato categoricamente di aver commesso un illecito, non è stata una sorpresa che questa settimana sia stata trascinata più a fondo nelle indagini, dato che il suo nome è stato citato in relazione allo scandalo sin dall’inizio dalla stampa italiana e belga.

Arena, il suo avvocato e gli addetti stampa del gruppo S&D non hanno risposto immediatamente alle molteplici richieste di commento.

Tra la crescente attenzione sul suo potenziale coinvolgimento all’inizio dell’anno, si è dimessa dal suo ruolo parlamentare di presidente della sottocommissione per i diritti umani lo stesso giorno in cui POLITICO ha rivelato di non aver dichiarato un viaggio pagato in Qatar nel maggio 2022.

In linea con la legge costituzionale belga, la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola è tornata a Bruxelles per assistere alle irruzioni nelle proprietà dell’Arena nel nord della città mercoledì, penultimo giorno prima della chiusura del Parlamento per l’estate.

Per Arena, che proviene da Mons, nel sud del Belgio, l’episodio potrebbe far rivivere i ricordi delle irruzioni nella casa del suo collega eurodeputato socialista vallone Marc Tarabella – dove era presente anche Metsola – a dicembre. Circa due mesi dopo gli eurodeputati hanno revocato la sua immunità ed è stato arrestato dalla polizia belga, accusato di corruzione e ha trascorso mesi in prigione prima di essere rilasciato in attesa del processo. Protesta la sua innocenza.

I collegamenti dell’Arena

Arena ha qualche connessione con quasi tutte le persone coinvolte. Soprattutto, c’è la sua stretta relazione con il sospettato centrale Pier Antonio Panzeri.

Si sono sovrapposti in Parlamento durante l’ultimo mandato di Panzeri, tra il 2014 e il 2019. Arena, che in quella fase era un eurodeputato per la prima volta, si è costruito una reputazione come formidabile difensore dei diritti umani con una solida esperienza in politica ambientale all’interno dell’ala sinistra del gruppo dei Socialisti e Democratici, dove Panzeri era un membro stimato anche se piuttosto modesto.

L’ex eurodeputato italiano Pier Antonio Panzeri | Kenzo Tribouillard/AFP tramite Getty Images

Ha descritto il suo rapporto con l’esperto ex deputato europeo come puramente professionale, mentre Panzeri attraverso il suo avvocato li ha descritti come “molto stretti”.

Le Soir ha riferito che Arena e Panzeri hanno avuto contatti telefonici 389 volte separate nell’arco di nove mesi tra metà dicembre 2021 e metà dicembre 2022, durante un periodo in cui Panzeri aveva da tempo cessato di essere un politico eletto.

I legami tra lei e Panzeri sono molti, anche dopo che Panzeri ha lasciato il Parlamento nella primavera del 2019. Uno degli assistenti parlamentari di Arena ha lavorato presso il gruppo per i diritti umani di Panzeri Fight Impunity, mentre un altro membro dello staff parlamentare ha lavorato per entrambi i deputati.

Le Soir mercoledì ha riferito di essere sospettata di aver ricevuto regali dal Qatar. Il nome di Arena è apparso anche in un mandato d’arresto per Cozzolino all’inizio di quest’anno, dove è stata citata come parte di un piccolo gruppo di legislatori che avrebbero eseguito gli ordini di Panzeri in Parlamento.

Panzeri, secondo le testimonianze trapelate ottenute da POLITICO, ha minimizzato il presunto ruolo di Arena nelle ricadute del Qatargate. Panzeri ha anche detto agli investigatori di essersi recato in Marocco con Arena al soldo di un diplomatico marocchino nel 2015, ma ha detto che Arena non era a conoscenza di chi avesse sponsorizzato il viaggio. L’avvocato di Panzeri ha detto a gennaio che Panzeri la vede come una persona “estremamente etero” che non ha nulla a che fare con il caso.

Nelle interviste ai media, un altro principale sospettato, Eva Kaili, ha fortemente accennato che Arena è stata protetta da domande difficili da parte dei pubblici ministeri fino ad ora, ma l’eurodeputato greco non ha fornito prove a sostegno del motivo per cui potrebbe essere così.

Più di recente, Arena ha avuto un ruolo importante nelle dimissioni del giudice belga a capo dell’indagine penale, Michel Claise, che ha annunciato che si sarebbe fatto da parte tra le accuse di conflitto di interessi che coinvolgevano entrambi i loro figli.

La decisione è arrivata dopo che gli avvocati di un altro principale sospettato, l’eurodeputato Tarabella, hanno scoperto che il figlio di Claise era coinvolto in un’attività di cannabis terapeutica con il figlio di Arena. Nel 2019, Arena ha organizzato un evento di alto profilo al Parlamento europeo sponsorizzato dall’associazione di commercio di cannabis terapeutica di suo figlio, un potenziale conflitto di interessi.

Secondo l’avvocato di Tarabella, il collegamento potrebbe spiegare perché Arena è rimasta fuori dal carcere e non è stata accusata mentre molti dei suoi colleghi hanno trascorso mesi dietro le sbarre mentre le autorità raccoglievano prove, anche se le autorità affermano che Claise si è ricusato solo per estrema cautela.

Elisa Braün ha contribuito alla segnalazione.

Ultime Notizie

Back to top button