Con il rimpasto di Putin, la Russia si prepara a una lunga guerra?

Tre esperti hanno dichiarato al servizio russo della ColorNews che la nomina di Andrei Belousov a ministro della difesa russo suggerisce che il presidente Vladimir Putin sta preparando il suo paese per una guerra di lunga durata contro l’Ucraina.

Domenica Putin ha rimescolato il suo governo, nominando Belousov, un economista che è stato il primo vice primo ministro russo, a sostituire Sergei Shoigu.

Shoigu, l’unico membro del gabinetto sostituito da Putin, è stato nominato segretario del Consiglio di sicurezza russo, un potente organo consultivo del Cremlino, in sostituzione di Nikolai Patrushev, un collaboratore di Putin di lunga data.

Come il presidente, Patrushev era in precedenza a capo del Servizio di sicurezza federale, l’agenzia erede del KGB sovietico.

L’intero governo si è dimesso dopo l’insediamento di Putin, il 7 maggio, per il quinto mandato presidenziale.

Il Consiglio della Federazione, la camera alta del parlamento russo, deve approvare la scelta di Belousov da parte di Putin, una mossa tutt’altro che certa.

Speculazioni su Shoigu

Richard Weitz, membro senior e direttore del Centro per l’analisi politico-militare presso l’Hudson Institute, ha osservato che da tempo si ipotizzava che Shoigu, che ha servito come ministro della Difesa per 12 anni, fosse destinato a essere rimosso da quell’incarico.

“C’erano state alcune preoccupazioni riguardo al ritmo della riforma militare sotto di lui, e poi allo scarso rendimento dell’esercito russo nei primi mesi della guerra in Ucraina. E la ribellione dell’anno scorso [Yevgeny] Prigozhin e il gruppo Wagner erano diretti principalmente a Shoigu e [Valery] Gerasimov, il capo ufficiale militare”, ha detto Weitz a ColorNews.

Weitz ha detto che secondo lui Putin ha deciso che l’esercito russo si sta comportando bene per l’attuale fase del conflitto, “ma è chiaro che la guerra durerà diversi anni. A quanto pare vuole coinvolgere qualcuno che ne sa di più di economia. Questo rende senso: se sarà una guerra lunga, mobiliterai risorse sufficienti per sostenerla.

Mykola Sunhurovskyi, direttore dei programmi militari presso il Centro Razumkov, un think tank di Kiev, ha affermato che un recente scandalo che ha coinvolto il vice di Shoigu, Timur Ivanov, accusato di aver ricevuto una tangente di 12 milioni di dollari, potrebbe aver avuto un ruolo nella rimozione di Shoigu. Ma è d’accordo che la mossa è principalmente collegata alla previsione di Putin secondo cui la guerra con l’Ucraina sarà lunga e al suo corrispondente appello a mettere l’economia russa su una base di guerra.

“Shoigu fondamentalmente non è capace di questo. Non è un militare. Non è un economista. Non è un industriale”, ha detto Sunhurovskyi a ColorNews. “Ma il signor Belousov è un uomo che ha lavorato a lungo nel blocco economico russo. Ha radici nell’Istituto Centrale di Economia e Matematica, che un tempo era un’istituzione leader che ha formato nuovi standard per l’economia russa a partire dalla metà degli anni ’70. Lavorò lì a metà degli anni ’80 in posizioni di rilievo… [and] era l’assistente di Putin contemporaneamente.”

Allo stesso modo, l’analista militare ucraino Alexei Getman ha dichiarato alla ColorNews che la mossa per sostituire Shoigu è stata fatta perché la Russia si sta “preparando per una lunga guerra” e quindi aveva bisogno di un nuovo ministro della Difesa che potesse organizzare di conseguenza l’economia del paese.

Tuttavia, ha detto Getman, la rimozione di Shoigu non dovrebbe necessariamente essere vista come una retrocessione o una punizione.

“Dopo tutto, non è stato mandato al meritato riposo o in prigione, come spesso accade in Russia”, ha detto. “È diventato segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa al posto di Patrushev.”

Questa storia ha avuto origine nel servizio russo di ColorNews.

Ultime Notizie

Back to top button