Cultura

Corsa contro il tempo per evitare che il lago trabocchi in Deadly Monsoon

Martedì il Pakistan stava lottando febbrilmente per allargare una breccia nel suo lago più grande per impedire alle acque di straripare in mezzo a inondazioni senza precedenti, il risultato di forti piogge monsoniche che hanno inondato un terzo della nazione dell’Asia meridionale.

Ben 33 milioni di persone sono state colpite, con almeno 1.325 morti, inclusi 466 bambini, nelle inondazioni causate non solo dalle piogge monsoniche record, ma anche dallo scioglimento dei ghiacciai nelle montagne settentrionali del Pakistan, hanno affermato i funzionari nazionali del disastro.

Con altre piogge previste nel prossimo mese, la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente, ha avvertito un alto funzionario dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

“Temiamo che la situazione possa peggiorare”, ha affermato Indrika Ratwatte, direttrice dell’agenzia per l’Asia e il Pacifico, aggiungendo che i funzionari meteorologici del Pakistan prevedono più piogge per il prossimo mese.

“Ciò aumenterà le sfide per i sopravvissuti alle inondazioni e probabilmente peggiorerà le condizioni di quasi mezzo milione di sfollati, costringendo altri ad abbandonare le loro case”.

Una delle principali preoccupazioni è il lago d’acqua dolce Manchar nella provincia meridionale del Sindh, che è pericolosamente vicino allo scoppio delle sue sponde.

“Abbiamo ampliato la precedente breccia a Manchar per ridurre l’innalzamento del livello dell’acqua”, ha detto lunedì a Reuters il ministro provinciale dell’irrigazione Jam Khan Shoro.

Già 100.000 persone sono state sfollate dalle loro case nel tentativo di impedire lo straripamento del lago, un risultato terribile che le autorità temono possa influenzare altre centinaia di migliaia di persone.

“Fino a ieri c’era un’enorme pressione sulle dighe delle città di Johi e Mehar, ma la gente sta combattendo rafforzando le dighe”, ha detto martedì il funzionario distrettuale Murtaza Shah, aggiungendo che dall’80% al 90% dei cittadini era già fuggito.

Coloro che rimangono stanno tentando di rafforzare le dighe esistenti con i macchinari forniti dai funzionari distrettuali.

Le acque hanno trasformato la vicina città di Johi in un’isola virtuale, poiché una diga costruita dalla gente del posto trattiene l’acqua.

“Dopo la breccia a Manchar, l’acqua ha iniziato a scorrere, prima era un po’ stagnante”, ha detto al telefono un residente, Akbar Lashari, dopo la rottura iniziale del lago d’acqua dolce di domenica.

Le acque in aumento hanno anche inondato il vicino aeroporto di Sehwan, hanno affermato le autorità dell’aviazione civile.

Ultime Notizie

Back to top button