Cosa fa un responsabile della governance dei dati? (Stipendio 2023)

Scopri cosa fa un Data Governance Manager, come ottenere questo lavoro, informazioni sullo stipendio e cosa serve per avere successo come Data Governance Manager.

Il Data Governance Manager svolge un ruolo essenziale nel supervisionare le pratiche di gestione dei dati di un’organizzazione, garantendo che i dati in tutti i sistemi siano accurati, disponibili e sicuri. Questa posizione prevede lo sviluppo e l’implementazione di standard e politiche sui dati che supportino gli obiettivi dell’organizzazione, facilitando al tempo stesso un’efficace condivisione e protezione dei dati. Coordinandosi con i vari dipartimenti, il responsabile della governance dei dati garantisce che le pratiche relative ai dati siano in linea con i requisiti normativi e le strategie aziendali, migliorando in definitiva i processi decisionali e l’efficienza operativa. I loro sforzi portano a una migliore qualità dei dati, a una riduzione dei costi di gestione dei dati e a una solida base per le attività di analisi e business intelligence, rendendoli parte integrante del quadro di gestione dei dati dell’organizzazione.

Mansioni lavorative del Responsabile della governance dei dati

  • Sviluppare e implementare politiche e procedure complete di governance dei dati per garantire l’integrità, la disponibilità e la riservatezza dei dati dell’organizzazione.
  • Coordinarsi con l’IT e le unità aziendali per stabilire standard di qualità dei dati, tra cui accuratezza, completezza e tempestività, e monitorare la conformità.
  • Facilitare la creazione e la manutenzione di un dizionario dati e di un repository di metadati per garantire una chiara comprensione e un utilizzo coerente dei dati in tutta l’organizzazione.
  • Supervisionare la privacy dei dati e gli sforzi di conformità, garantendo il rispetto delle leggi e dei regolamenti pertinenti come GDPR e CCPA.
  • Guidare comitati o gruppi di lavoro interfunzionali sulla governance dei dati per affrontare le questioni relative ai dati e identificare opportunità per l’ottimizzazione dei dati.
  • Gestire la risoluzione dei problemi di qualità dei dati, inclusa l’analisi delle cause profonde, i piani di azione correttivi e le iniziative di miglioramento.
  • Stabilire e monitorare gli indicatori chiave di prestazione (KPI) relativi agli obiettivi di governance dei dati, riferendo sui progressi al senior management.
  • Sostenere l’uso strategico dei dati attraverso programmi di formazione e comunicazione volti a migliorare l’alfabetizzazione dei dati in tutta l’organizzazione.

Stipendio e prospettive del Responsabile della governance dei dati

Lo stipendio di un responsabile della governance dei dati è influenzato da fattori quali il settore industriale, le dimensioni dell’azienda, gli anni di esperienza e la complessità delle esigenze di governance dei dati. Anche la conoscenza specializzata in conformità normativa, gestione del rischio e competenza tecnologica negli strumenti di gestione dei dati ha un impatto significativo sulla retribuzione.

  • Stipendio annuale medio: $ 120.750 ($ 58,05/ora)
  • Stipendio annuo del 10% più ricco: $ 279.090 ($ 134,18/ora)

Si prevede che l’occupazione dei responsabili della governance dei dati crescerà molto più rapidamente della media nel prossimo decennio.

Questa impennata è guidata dall’aumento dei volumi di dati, dai requisiti di conformità normativa e dalla necessità di qualità e sicurezza dei dati, che necessitano di professionisti qualificati per supervisionare i quadri di governance dei dati, garantire l’integrità dei dati e gestire i rischi relativi ai dati in diversi settori.

Requisiti per il lavoro di Responsabile della governance dei dati

Formazione scolastica: Un responsabile della governance dei dati in genere possiede una laurea in settori quali informatica, tecnologia dell’informazione, gestione dei dati o amministrazione aziendale. I corsi pertinenti includono analisi dei dati, gestione di database, sistemi informativi e business intelligence. I titoli di studio avanzati, come un Master in Data Science o Information Management, sono comuni e migliorano le prospettive di lavoro. Studi specializzati sulla privacy dei dati, sulle leggi sulla sicurezza e sulle pratiche etiche di gestione dei dati sono cruciali per questo ruolo.

Esperienza: I responsabili della governance dei dati in genere emergono da un background ricco di esperienza pratica nella gestione dei dati, nello sviluppo di policy e nel controllo della conformità. I candidati ideali hanno progredito attraverso ruoli che richiedevano una crescente responsabilità nella gestione dei dati, dimostrando la loro capacità di implementare strutture di governance e garantire l’integrità dei dati nelle organizzazioni. La formazione sul posto di lavoro, spesso attraverso tutoraggio o programmi interni specializzati, svolge un ruolo cruciale nell’affinare le capacità strategiche, analitiche e di leadership necessarie per questa posizione. Fondamentale è anche l’esperienza nella collaborazione con le unità IT, legali e aziendali per allineare le pratiche di governance dei dati agli obiettivi organizzativi.

Certificazioni e licenze: Le certificazioni utili per un responsabile della governance dei dati includono Certified Information Systems Security Professional (CISSP), Certified Data Management Professional (CDMP) e Certified Information Privacy Professional (CIPP). Per questo ruolo non sono richieste licenze specifiche.

Competenze del responsabile della governance dei dati

Gestione della qualità dei dati: Strategie e strumenti sono implementati da un responsabile della governance dei dati per monitorare e sostenere standard di dati di alta qualità, garantendo accuratezza, completezza, affidabilità e tempestività in tutta l’organizzazione. La collaborazione con l’IT, le parti interessate aziendali e gli utenti dei dati è fondamentale per stabilire parametri e parametri di riferimento sulla qualità dei dati, che supportino un processo decisionale informato e il rispetto dei requisiti normativi.

Conformità normativa: Un responsabile della governance dei dati è responsabile dell’allineamento delle pratiche di gestione dei dati alle leggi attuali e alle normative di settore. Monitorando i quadri di conformità e gli aggiornamenti, il manager adatta in modo proattivo le strategie e le politiche per soddisfare i requisiti legali in evoluzione, proteggendo l’organizzazione da potenziali violazioni dei dati e conseguenze legali.

Gestione dei metadati: Lo sviluppo e l’esecuzione di strategie per la catalogazione, la classificazione e il mantenimento dell’accuratezza dei dati sono essenziali per un utilizzo efficiente e un accesso sicuro alle risorse informative di un’organizzazione. Documentare la derivazione, l’utilizzo e le metriche di qualità dei dati è un compito fondamentale, poiché consente decisioni informate e conformità agli standard normativi.

Privacy dei dati: La conformità alle normative globali sulla protezione dei dati, come GDPR e CCPA, implica la gestione delle informazioni personali e sensibili con una conoscenza approfondita dei quadri giuridici. L’implementazione di solide misure di gestione e sicurezza dei dati è fondamentale per prevenire violazioni e garantire un utilizzo etico dei dati.

Gestione dei dati anagrafici: Le politiche e le procedure sono stabilite e applicate da un responsabile della governance dei dati per garantire la coerenza, l’accuratezza e la responsabilità dei dati critici in tutte le unità aziendali. La collaborazione con le parti interessate dell’IT e del business per identificare le esigenze dei dati master e implementare soluzioni di gestione fa parte di questo ruolo, che supporta il processo decisionale strategico e l’efficienza operativa.

Gestione del ciclo di vita dei dati: L’integrità, la disponibilità e la riservatezza dei dati durante il loro intero ciclo di vita sono gestite da un Data Governance Manager. La gestione efficiente dei dati, dalla creazione e archiviazione all’archiviazione e alla cancellazione, si ottiene attraverso una meticolosa pianificazione ed esecuzione di politiche, procedure e tecnologie, garantendo la conformità ai requisiti legali e normativi.

Ambiente di lavoro del responsabile della governance dei dati

Un responsabile della governance dei dati opera tipicamente all’interno di un ambiente di ufficio moderno, dove l’enfasi sugli strumenti e sulla tecnologia digitali è fondamentale. Il loro spazio di lavoro è spesso dotato di più monitor e software avanzato per gestire e analizzare i dati in modo efficace. Questo ruolo solitamente consente una combinazione di lavoro in ufficio e a distanza, adattandosi alle esigenze dei progetti e della collaborazione in team.

La cultura del lavoro enfatizza precisione, conformità e collaborazione, con un codice di abbigliamento che tende al business casual, riflettendo un equilibrio tra professionalità e comfort. L’interazione con i vari dipartimenti è frequente e richiede forti capacità di comunicazione e un atteggiamento cooperativo.

I protocolli di salute e sicurezza sono in linea con le pratiche standard dell’ufficio, garantendo un ambiente ben illuminato ed ergonomicamente sano che riduce al minimo lo sforzo fisico. Le opportunità di sviluppo professionale sono abbondanti, data la natura in rapida evoluzione della governance, della tecnologia e delle normative dei dati, che incoraggiano l’apprendimento e l’adattamento continui.

Nel complesso, il ruolo richiede un approccio meticoloso e analitico all’interno di un ambiente dinamico e di supporto, che offre un’integrazione equilibrata tra lavoro e vita privata.

Prospettive di avanzamento

Un Data Governance Manager può avanzare a ruoli di senior management come Chief Data Officer (CDO) o Vice President of Data Governance, concentrandosi sulla supervisione strategica e sui quadri di governance dei dati a livello aziendale. Raggiungere queste posizioni spesso richiede una profonda conoscenza delle normative sui dati, dell’etica e di una comprovata esperienza nell’implementazione di strategie efficaci di governance dei dati.

Il progresso può anche portare a ruoli specializzati nella privacy dei dati, nella conformità o nella gestione del rischio, dove la competenza in normative specifiche come GDPR o CCPA è cruciale. Il successo in queste aree richiede un occhio attento ai dettagli e la capacità di destreggiarsi in paesaggi giuridici complessi.

Il passaggio alla consulenza è un altro percorso praticabile, che offre servizi di strategia e implementazione di governance dei dati a varie organizzazioni. Ciò richiede una solida reputazione, una vasta esperienza e la capacità di adattarsi alle diverse culture ed esigenze aziendali.

Per realizzare questi progressi, concentrarsi su progetti ad alto impatto, costruire una forte rete interna ed esterna e rimanere al passo con le ultime novità in materia di legislazione sui dati e tendenze tecnologiche sono strategie essenziali.

Ultime Notizie

Back to top button