Politica

Cosa significa l’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO per il futuro delle innovazioni della NATO?

Il 18 maggio, Finlandia e Svezia hanno ufficialmente presentato domanda di adesione alla NATO, una decisione decisamente storica. Sebbene i due paesi mantengano a lungo posizioni militari di non allineamento, l’invasione russa dell’Ucraina li ha portati a rivalutare completamente la loro posizione e il futuro della sicurezza. Inoltre, l’invasione russa ha creato un tremendo cambiamento nell’opinione pubblica, con la maggioranza delle popolazioni che ha votato a favore dell’adesione all’Alleanza. La violazione non provocata delle garanzie di sicurezza da parte della Russia ha reso l’ombrello di sicurezza della NATO significativamente più attraente sia per la Finlandia che per la Svezia, ma cosa significa la loro potenziale adesione per il futuro delle innovazioni della difesa della NATO?

Nessuno dei paesi è estraneo alla NATO. Entrambi sono stati coinvolti in un’ampia gamma di iniziative di cooperazione con l’Alleanza, condividendo valori e obiettivi comuni. Con aumenti sostanziali alla spesa per la difesa, alle forze armate attive e alle industrie della difesa, ogni paese porta qualcosa di unico sul tavolo.

La Finlandia condivide un confine con la Russia che si estende per oltre 1.300 chilometri. Per un paese non nucleare, deve mantenere aggiornate le forze convenzionali per garantire una deterrenza credibile. In effetti, l’artiglieria finlandese è tra le più grandi d’Europa, con le seconde forze di terra.

La Finlandia ha sostituito l’equipaggiamento di artiglieria dal 2014 come parte del programma di artiglieria operativa. Questi sforzi garantiscono una continua modernizzazione delle forze, espandendo il loro ciclo di vita agli anni 2050 e aggiungendo ai carri armati Leopard e ai veicoli di fanteria. La Svezia, d’altra parte, è orgogliosa della sua forza aerea di alto livello, supportata dai jet da combattimento Gripen 39 e dalla sua marina esperta. La loro unità di flottiglia sottomarina rafforzerebbe sostanzialmente la presenza dell’Alleanza nel Mar Baltico e nell’Artico.

Una risorsa particolarmente interessante è il corso di difesa nazionale finlandese, dedicato ai leader di varie sfere della società. Vengono insegnati i diversi settori della sicurezza nazionale del paese, il che consente loro di comprendere i bisogni della Finlandia e, a sua volta, aiuta a guidare le decisioni. Un’esercitazione simile a livello della NATO aumenterebbe certamente le prestazioni degli alleati e la loro cooperazione con il settore privato.

Industrie della difesa e ricerca e sviluppo

Quando si tratta di potenziale di innovazione e ricerca e sviluppo (R&S), le industrie della difesa dei due paesi fungono da solide risorse per la loro candidatura alla NATO. Specializzate e altamente operative, le industrie forniscono alle capacità nazionali tecniche e attrezzature efficaci. Dal momento che l’industria è composta principalmente da piccole e medie imprese, Finlandia e Svezia possono impartire lezioni alla NATO su un’efficace cooperazione tra le imprese di piccola scala e la sfera pubblica. Le industrie non sono solo altamente redditizie, ma competitive a livello internazionale, esportando grandi porzioni di prodotti di alta qualità con lunghi cicli di vita. Il loro obiettivo di essere autosufficienti nella difesa e nella sicurezza si riflette nei loro sostanziali investimenti in ricerca e sviluppo. Inoltre, le attrezzature e le tecnologie sono spesso realizzate in base alle specifiche esigenze operative di ciascun paese. Ad esempio, i sottomarini svedesi sono specificamente adattati al Mar Baltico, tenendo conto dei suoi diversi strati di sale o degli arcipelaghi stretti.

Come suggerisce il rapporto GLOBSEC recentemente pubblicato sulle prestazioni e le innovazioni della NATO, la NATO può sfuggire al crescente onere geoeconomico perseguendo investimenti redditizi nelle industrie della difesa e nelle tecnologie innovative. Entrambi i paesi sono noti per dare la priorità a soluzioni innovative e sostenibili, essenziali per preservare la regione artica e il suo clima. Le prestazioni e la redditività di queste industrie derivano anche dall’uso di successo della tecnologia civile nelle rispettive produzioni militari.

Come raccomanda il rapporto, stabilire stretti legami con il settore privato e successivamente basare le innovazioni della difesa su questa cooperazione è una politica molto necessaria per l’Alleanza. Con Finlandia e Svezia che già operano all’interno di queste linee guida, sono indiscutibilmente preziose per il futuro dell’innovazione della NATO. Portando militari moderni, industrie della difesa efficaci, know-how consolidato e produzione basata sulle esigenze militari e sugli utenti finali, i due paesi nordici possono spingere l’innovazione della difesa della NATO in prima linea.

In linea con l’aumento della spesa per la difesa in più Stati membri della NATO, questo allargamento potrebbe porre maggiore enfasi sulla definizione delle esigenze di innovazione della NATO e contribuire a plasmare un ecosistema dell’innovazione più resiliente. Con il vertice della NATO di Madrid dietro l’angolo, molti si aspettano che il processo di allargamento ei negoziati siano finalizzati. Tuttavia, il risultato più probabile sarà che la loro adesione alla NATO si bloccherà. La Turchia ha indicato di non percepire il Vertice come una scadenza per l’adesione, quindi la questione di quando Svezia e Finlandia si uniranno è ancora nell’aria. Dal momento che il vertice fornisce lo slancio per le soluzioni e le strategie innovative da includere come perno alla base del settimo Concetto strategico, non avere Svezia e Finlandia come membri validi è uno svantaggio. La loro percezione e le prospettive orientate all’innovazione sulla sicurezza e la difesa potrebbero mancare nei risultati del vertice, poiché potrebbero aiutare a guidare l’Alleanza a migliorare le prestazioni in materia di innovazione.

Ultime Notizie

Back to top button