Decine di Paesi aderiscono al vertice di pace in Ucraina, afferma la Svizzera

Berlino—

Il vertice che la Svizzera spera possa aprire la strada al processo di pace in Ucraina ha attirato delegazioni da oltre 50 paesi, ha dichiarato mercoledì la presidente della Confederazione Viola Amherd.

Il governo neutrale svizzero cercava un’ampia partecipazione da diverse parti del mondo e sono stati inviati 160 inviti, ha detto Amherd in una conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Scholz dopo l’incontro a Berlino.

La Svizzera vuole convincere ad aderire anche altri paesi del cosiddetto Sud del mondo e la Cina, ha aggiunto.

“Questo lavoro sta continuando a pieno ritmo”, ha detto Amherd.

Paesi del Sud America, Africa e Medio Oriente sono stati tra quelli che hanno confermato la loro partecipazione, secondo Amherd, che a gennaio ha accettato di ospitare il vertice su richiesta del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.

La Russia, che ha invaso l’Ucraina più di due anni fa, non è stata invitata. Diplomatici ed esperti di politica estera affermano che i colloqui, che si terranno vicino alla città svizzera di Lucerna, si concentreranno probabilmente su come mitigare i rischi derivanti dall’invasione di Mosca.

Circa la metà dei paesi che hanno dichiarato di voler partecipare non erano europei, e l’elenco dei partecipanti probabilmente continuerà a cambiare fino all’ultimo minuto, ha detto Amherd.

Zelenskyj, in un post sul sito web presidenziale ucraino, ha affermato che i leader di Georgia, Liechtenstein e Malawi gli hanno detto che sarebbero stati rappresentati al vertice.

La settimana scorsa, Zelenskyy ha affermato che Capo Verde è diventato il primo paese africano ad accettare di partecipare.

Ad Amherd è stato inoltre chiesto se la Svizzera sarebbe disposta a rinviare la consegna del sistema di difesa missilistico Patriot che dovrebbe ricevere dagli Stati Uniti per aiutare l’Ucraina ad ottenerne uno prima, seguendo una proposta tedesca.

La presidente della Confederazione ha spiegato che il suo gabinetto non ha ancora discusso la questione, ma che ne sta discutendo con il ministro della difesa tedesco Boris Pistorius.

Ultime Notizie

Back to top button