Esteri

Denunciando la guerra della Russia in Ucraina, il cancelliere tedesco chiede di difendere un ordine globale basato su regole

“Non c’è alcuna giustificazione per la guerra di occupazione della Russia contro l’Ucraina”, ha affermato Scholz rivolgendosi al dibattito annuale ad alto livello dell’Assemblea.

‘Imperialismo, puro e semplice’

“Il presidente Putin sta conducendo questa guerra con un unico obiettivo: conquistare l’Ucraina. L’autodeterminazione, l’indipendenza politica non contano per lui. E c’è solo una parola per questo: questo è imperialismo, chiaro e semplice. Il ritorno dell’imperialismo non è solo un disastro per l’Europa, ma anche per il nostro ordine pacifico globale.

“Se vogliamo che questa guerra finisca, allora non possiamo essere indifferenti a come finisce. Putin rinuncerà alla sua guerra e alle sue ambizioni imperialiste solo se si renderà conto che non può vincere”, ha continuato.

“Ecco perché non accetteremo una pace dettata dalla Russia. Per questo non accetteremo referendum pretenziosi. Ed è per questo che l’Ucraina deve essere in grado di difendersi dall’invasione russa”.

Il signor Scholz ha affermato che il mondo sta assistendo a una nuova frammentazione, all’emergere di nuove guerre e conflitti e all’aumento di gravi crisi globali.

“Alcuni hanno visto questo come un presagio di un mondo senza regole”, ha osservato. “Il nostro problema non è l’assenza di regole. Il nostro problema è la mancanza di volontà di rispettarli e di farli rispettare”.

L’alternativa a un mondo basato sulle regole non è l’anarchia, ma il dominio dei forti sui deboli, ha affermato, sottolineando che la comunità internazionale non può essere indifferente al “se vince il potere o il potere delle regole”.

“L’ordine internazionale non si realizza da solo. Se non facciamo nulla, allora questa Carta non è che un pezzo di carta, ha detto, tenendo in mano una copia del documento istitutivo delle Nazioni Unite. “Questa Carta invita tutti noi a sostenerne gli scopi e i principi”.

“Noi rappresentiamo l’ordine internazionale”

Il mondo “non deve restare a guardare quando una grande potenza nucleare, armata fino ai denti, membro fondatore delle Nazioni Unite e non meno membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’ONU, cerca di spostare i confini attraverso l’uso della violenza”, Scholz ha dichiarato.

Il Cancelliere ha aggiunto che la guerra in Ucraina sta portando a prezzi in aumento, scarsità di energia e carestia. La Germania sostiene l’Ucraina con l’esportazione di cibo e sosterrà anche gli sforzi per ricostruire il paese. A tal proposito, il 25 ottobre a Berlino, una conferenza internazionale di esperti esaminerà come gestire l’“erculeo” compito della ricostruzione.

“Il nostro messaggio è questo: siamo fermamente al fianco di coloro che sono attaccati; per la protezione della vita e della libertà degli ucraini; e per la protezione del nostro ordine internazionale”.

Ultime Notizie

Back to top button