Ultime notizie

Donna, 74 anni, muore a Reggio Emilia di febbre del Nilo occidentale –

(COLORnews) – ROMA, 17 AGO – Una donna di 74 anni è morta nella notte a Reggio Emilia di febbre del Nilo occidentale. Lo ha reso noto l’Asl.

La donna era gravemente immunodepressa.

Era in ospedale dal 7 agosto.

È morta martedì notte a causa della meningoencefalite associata al West Nile e di una concomitante infezione da Covid-19.

È il secondo decesso per febbre in Emilia-Romagna dopo il recente decesso di un uomo di 88 anni a Ferrara.

Un altro uomo è morto giovedì di febbre del Nilo occidentale vicino a Brescia. Era di Cigole, a sud di Brescia.

Era stato ricoverato in ospedale di recente.

Era uno dei due pazienti più gravi di quattro casi di West Nile nella città lombarda e nei dintorni.

La sua morte ha portato a 11 il bilancio delle vittime del virus in Italia dall’inizio di giugno.

I casi di virus del Nilo occidentale sono aumentati del 53% in Italia negli ultimi sette giorni, ha affermato giovedì l’Istituto superiore di sanità (ISS).

Il numero di casi è passato da 94 a 144, dall’inizio di giugno a martedì 9 agosto, ha affermato l’Iss.

Quattro persone sono morte a causa del virus nell’ultima settimana, portando il bilancio delle vittime complessivo fino a 11, tutte nel nord Italia.

Ci sono stati sei morti in Veneto, due in Piemonte, due in Lombardia e uno in Emilia-Romagna.

Il virus del Nilo occidentale (WNV) è un virus a RNA a filamento singolo che causa la febbre del Nilo occidentale. È un membro della famiglia Flaviviridae, del genere Flavivirus, che contiene anche il virus Zika, il virus dengue e il virus della febbre gialla.

Il virus viene trasmesso principalmente dalle zanzare, principalmente specie di Culex.

Gli ospiti primari di WNV sono gli uccelli, in modo che il virus rimanga all’interno di un ciclo di trasmissione “uccello-zanzara-uccello”. Il virus è geneticamente correlato alla famiglia di virus dell’encefalite giapponese.

Sia gli esseri umani che i cavalli mostrano sintomi di malattia dovuti al virus e i sintomi si verificano raramente in altri animali. L’identificazione della malattia umana è stata effettuata per la prima volta nel 1937 in Uganda e nella seconda metà del 20° secolo si è diffusa in molte altre parti del mondo. (COLORnews).

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button