Cultura

Donna muore 6 anni dopo che il suo fidanzato la seppellì viva

Stacey Gwilliam è stata strangolata di seguito dal suo partner Keith Hughes mentre camminavano su un sentiero costiero a Langland Bay, Swansea, nel luglio 2015. Aveva cercato di “spezzarle il collo” prima di seppellirla in una tomba in un campo da golf, ma lei era riuscita a tirarsi fuori usando le unghie.

All’inchiesta svoltasi dopo la sua morte a Swansea, è stato rivelato che la signora Gwilliam, 40 anni, aveva sofferto di disturbo da stress post-traumatico da quel fatidico giorno: ansia, depressione e attacchi di panico dopo l’aggressione. Aveva anche sviluppato la polmonite a seguito dell’essere stata sepolta viva.

La signora Gwilliam, di Townhill, Swansea, è morta a casa nel novembre dello scorso anno dopo aver sofferto di un’infezione al torace, secondo l’inchiesta. Aveva chiamato il suo medico di famiglia il giorno prima della sua morte e le era stato detto di prendere degli antibiotici. Lo ha fatto, ma dopo essersi automedicata nel tentativo di curare la sua infezione, è stata trovata morta il giorno seguente. Il coroner senior ad interim Colin Phillips ha registrato una conclusione di morte accidentale a causa dell’automedicazione.

La polizia ha arrestato Hughes, 39 anni, dopo che si è schiantato con la sua auto dopo l’aggressione. Fu quindi incarcerato a vita con un minimo di otto anni dal giudice Paul Thomas presso la Swansea Crown Court. L’inchiesta ha sentito che la signora Gwilliam aveva incontrato Hughes per la prima volta nel 2011, successivamente è diventato violento nei suoi confronti.

L’agente Tom Evans, della polizia del Galles del Sud, ha detto che la sua famiglia aveva notato che aveva “segni e lividi” sul suo corpo durante la relazione e temeva per la sua sicurezza.

Al momento dell’arresto di Hughes, in una dichiarazione della vittima alla corte, Stacey ha raccontato di essere quasi morta e di aver trascorso quasi tre settimane in coma dopo aver detto che voleva porre fine alla loro relazione.

Ha detto: “Non dimenticherò mai quello che mi ha fatto quel giorno e quello che mi ha fatto durante la nostra relazione e ora devo conviverci per il resto della mia vita. Spero solo che lo faccia anche lui”.

L’ex lavoratore della Virgin Atlantic ha trascorso tre mesi in ospedale dopo l’attacco e ha dovuto imparare di nuovo a camminare e parlare.

Durante l’inchiesta, è stato rivelato che la signora Gwilliam aveva iniziato a ordinare farmaci online – e i rapporti tossicologici dell’autopsia hanno rilevato una serie di farmaci sedativi nel suo sistema che erano per lo più prescritti, ma il dottor John Williams ha stabilito che la causa di la morte è stata broncopolmonite con tossicità combinata del farmaco. Ha detto: “Ho sentito che ha sofferto di una serie di problemi di salute nella sua breve vita ed è stata sottoposta a una serie di relazioni abusive, ma non ci sono prove che intendesse porre fine alla sua vita in questa occasione”.

Ultime Notizie

Back to top button