Mondo

Fonti: L’OPEC+ concorda di non modificare la politica petrolifera


L’OPEC+ ha accettato di attenersi ai suoi obiettivi di produzione di petrolio in una riunione di domenica, hanno detto a Reuters due fonti dell’OPEC+. La decisione arriva due giorni dopo che le nazioni del Gruppo dei Sette (G-7) hanno concordato un prezzo massimo per il petrolio russo. L’OPEC+, che comprende l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e alleati tra cui la Russia, a ottobre ha fatto arrabbiare gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali quando ha accettato di tagliare la produzione di 2 milioni di barili al giorno, circa il 2% della domanda mondiale, da Novembre fino alla fine del 2023. Washington ha accusato il gruppo e uno dei suoi leader, l’Arabia Saudita, di schierarsi con la Russia nonostante la guerra di Mosca in Ucraina. L’OPEC+ ha affermato di aver tagliato la produzione a causa di prospettive economiche più deboli. I prezzi del petrolio sono diminuiti da ottobre a causa del rallentamento della crescita cinese e globale e dei tassi di interesse più elevati. Venerdì, le nazioni del G-7 e l’Australia hanno concordato un prezzo massimo di $ 60 al barile per il greggio russo trasportato via mare in una mossa per privare il presidente Vladimir Putin delle entrate mantenendo il flusso di petrolio russo verso i mercati globali. Mosca ha detto che non venderà il suo petrolio sotto il limite e sta analizzando come rispondere.

Ultime Notizie

Back to top button