Esteri

Fridays for Future raduna in Italia per evidenziare la crisi climatica in arrivo

Gli attivisti affermano che il dibattito sulla crisi climatica è stato in gran parte assente in Italia prima delle elezioni.

La filiale italiana di Fridays for Future prevede di tenere marce in 70 città italiane venerdì, in coincidenza con l’ultimo giorno di campagna elettorale in vista delle elezioni generali nazionali di domenica.

Fridays for Future Italia afferma che i politici hanno ampiamente ignorato la crisi climatica durante la campagna elettorale, nonostante i recenti eventi meteorologici estremi in Italia, tra cui una prolungata siccità seguita da inondazioni improvvise che hanno portato alla morte di almeno 11 persone nelle Marche la scorsa settimana.

Facendo appello affinché le persone si unissero alle manifestazioni del 23 settembre, FFF Italia ha affermato in un tweet che l’Italia ha affrontato “le ennesime elezioni in cui quasi tutta la politica è divisa tra chi ignora la crisi climatica e chi finge di affrontarla”.

Agnese Casadei, portavoce di FFF Italia, ha affermato che l’obiettivo della protesta è riportare “la crisi climatica e le soluzioni necessarie per affrontarla” agli occhi dell’opinione pubblica, riporta il quotidiano La Repubblica.

“La possibilità di scongiurare un catastrofico aumento delle temperature dipende dai prossimi cinque anni, e rischiamo di sprecarli con un parlamento che non vede la questione climatica come una priorità” – ha detto Agnese – “Non possiamo permettere che ciò avvenga. I politici devono rendersi conto che ignorare questo problema non è un’opzione se vogliono ottenere il sostegno dei cittadini”.

The School Strike for Climate, noto anche come Fridays For Future, è un movimento guidato dai giovani di studenti delle scuole che scambiano le classi con le dimostrazioni per chiedere un’azione per prevenire un ulteriore riscaldamento globale, compreso l’abbandono delle fonti di energia fossile e la riduzione delle emissioni di gas serra per zero.

Il movimento è iniziato nell’agosto 2018 da Greta Thunberg, la 19enne attivista svedese per il cambiamento climatico che durante il vertice delle Nazioni Unite sul clima del 2019 ha avvertito i leader: “Se scegliete di deluderci non vi perdoneremo mai”.

Credito fotografico: 1000 parole / Shutterstock.com.

Ultime Notizie

Back to top button