Gli astronauti sono fiduciosi che la capsula spaziale della Boeing possa tornare sulla Terra in sicurezza

CAPO CANAVERAL, Florida —

Due astronauti che avrebbero dovuto essere di ritorno sulla Terra già da settimane hanno dichiarato mercoledì di essere fiduciosi che la capsula spaziale della Boeing potrà riportarli sulla Terra in sicurezza, nonostante i guasti.

I piloti collaudatori della NASA Butch Wilmore e Suni Williams sono partiti a bordo della nuova capsula Starliner della Boeing all'inizio del mese scorso, i primi a salirci sopra. Perdite e guasti ai propulsori hanno quasi fatto deragliare il loro arrivo alla Stazione Spaziale Internazionale e li hanno tenuti lì molto più a lungo del previsto.

Nella loro prima conferenza stampa dall'orbita, hanno detto che prevedono di tornare una volta completati i test dei propulsori sulla Terra. Hanno detto che non si lamentano di avere più tempo in orbita e che si stanno divertendo ad aiutare l'equipaggio della stazione.

“Ho la netta sensazione che la navicella spaziale ci riporterà a casa, senza problemi”, ha detto Williams ai giornalisti.

I due razzi sono entrati in orbita il 5 giugno per il volo di prova, che originariamente avrebbe dovuto durare otto giorni.

La NASA ha ordinato le capsule Starliner e SpaceX Dragon un decennio fa per i voli degli astronauti da e per la stazione spaziale, pagando a ciascuna azienda miliardi di dollari. Il primo volo taxi di SpaceX con gli astronauti è stato nel 2020. Il primo volo con equipaggio di Boeing è stato ripetutamente ritardato a causa di problemi software e di altro tipo.

Ultime Notizie

Back to top button