Gli attacchi Houthi mettono a dura prova le spedizioni internazionali

Washington—

Gli incessanti attacchi alle spedizioni internazionali da parte dei militanti Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen stanno mettendo a dura prova il commercio e gli sforzi di aiuto, nonostante i tentativi degli Stati Uniti e dei suoi partner di attenuarne gli effetti.

Un rapporto appena pubblicato dalla Defense Intelligence Agency (DIA) degli Stati Uniti rileva che gli attacchi Houthi alle navi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden hanno colpito almeno 29 aziende in più di 65 paesi, aumentando i costi in diversi modi.

“A metà febbraio, i premi assicurativi per i transiti nel Mar Rosso sono saliti allo 0,7-1,0% del valore totale di una nave, rispetto a meno dello 0,1% prima di dicembre 2023”, secondo il rapporto DIA.

Il rapporto rileva inoltre che le aziende che continuano a transitare nella regione devono far fronte a maggiori costi per ulteriori assicurazioni “rischio di guerra” e bonus per i membri dell’equipaggio.

Di conseguenza, la valutazione della DIA ha rilevato che il trasporto di container attraverso il Mar Rosso, che normalmente rappresenta fino al 15% del commercio marittimo internazionale, è diminuito del 90% da dicembre 2023 a metà febbraio 2024.

Anche le compagnie di navigazione che cercano di evitare il Mar Rosso stanno registrando un aumento dei costi, con i viaggi intorno all’Africa che aggiungono circa 1 milione di dollari al prezzo del viaggio.

C’è anche un costo per sostenere gli sforzi.

“A partire da febbraio, gli aiuti umanitari per il Sudan e lo Yemen sono stati ritardati di settimane e costano di più alle organizzazioni umanitarie a causa delle rotte più lunghe intorno all’Africa”, afferma il rapporto.

In totale, la DIA ha contato almeno 43 attacchi Houthi contro le navi internazionali nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden tra il 19 novembre [2023] e il 23 marzo.

Gli Houthi hanno affermato che la loro campagna nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden è solidale con i palestinesi di Gaza nel mezzo della guerra tra Israele e Hamas.

E gli attacchi non mostrano segni di rallentamento.

Secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti, che sovrintende alle operazioni militari statunitensi in Medio Oriente, da domenica i militanti Houthi nello Yemen hanno lanciato almeno 10 missili, due droni aerei e un drone di superficie contro obiettivi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden. [June 9].

Mercoledì, un drone navale lanciato dagli Houthi ha colpito la M/V Tutor, una nave di proprietà greca battente bandiera liberiana che era stata recentemente attraccata in Russia, ha detto il CENTCOM. L’attacco ha causato gravi allagamenti e danni alla sala macchine.

Lo scorso dicembre, gli Stati Uniti e altri otto paesi hanno lanciato l’operazione Prosperity Guardian per aiutare a proteggere le navi nella regione dagli attacchi Houthi.

A febbraio, l’Unione Europea ha lanciato la propria missione, ASPIDES, per contribuire a proteggere ulteriormente il traffico marittimo.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno anche condotto una serie di attacchi contro obiettivi Houthi nello Yemen per scoraggiare ulteriori attacchi alle navi, l’ultimo dei quali alla fine del mese scorso.

Ultime Notizie

Back to top button