Gli esperti medici mettono in guardia contro la legalizzazione dei cesarei extraospedalieri in Florida

Esperti medici avvertono che eseguire cesarei in centri parto ambulatoriali indipendenti, una pratica consentita da una legge della Florida recentemente introdotta, sarebbe pericoloso per le donne in attesa.

Questa legge, la prima del suo genere nel paese, arriva mentre gli Stati Uniti stanno registrando un tasso di mortalità materna che supera notevolmente quello di paesi comparabili ad alto reddito.

I critici hanno sottolineato che queste nuove strutture proposte, che saranno chiamate centri di nascita avanzati, non saranno in grado di mobilitare rapidamente personale, attrezzature e competenze extra se dovessero verificarsi complicazioni improvvise, come normalmente ci si aspetterebbe da un ospedale.

Il governatore Ron DeSantis ha firmato il disegno di legge a marzo come parte di un pacchetto completo di assistenza sanitaria che includeva iniziative volte a rafforzare la forza sanitaria statale. KFF Health News ha riferito che un gruppo di medici chiamato Women’s Care Enterprises, di proprietà della società di investimento londinese BC Partners, ha esercitato pressioni per il cambiamento legislativo.

La legge prevede che i nuovi centri nascita avanzati dovranno essere dotati di almeno una sala operatoria e poter trasferire i pazienti in ospedale se necessario, anche se la misura non precisa quanto vicino debba essere l’ospedale.

Tuttavia, il dottor Nandini Raghuraman, assistente professore di medicina materno-fetale presso la Washington University di St. Louis, ha dichiarato al Times che le complicazioni del taglio cesareo, come sanguinamento e danni ai tessuti circostanti, “richiedono attenzione e assistenza immediate da parte di altre équipe ospedaliere, e risorse come un’unità di terapia intensiva, ventilatori e ulteriore assistenza chirurgica”.

“Una paziente incinta che in un momento è considerata a basso rischio può improvvisamente aver bisogno di cure salvavita il momento successivo”, ha affermato il dottor Cole Greves, presidente del distretto della Florida per l’American College of Obstetricians and Gynecologists.

Secondo la direttrice del Jacobs Institute of Women’s Health, Julia Strasser, è improbabile che queste strutture minimizzino il problema dell’abbandono dell’assistenza maternità nello stato poiché la loro assicurazione accettata non copre molti residenti a basso reddito, sebbene questo sia l’incentivo principale utilizzati per promuovere questi centri.

La nuova legge consente inoltre ai centri nascita avanzati di prendersi cura delle donne che tentano un parto vaginale dopo un precedente parto cesareo, nonostante il fatto che gli esperti sostengano che queste nascite possono essere estremamente pericolose se l’utero si rompe e ne consegue un sanguinamento massiccio.

“I centri nascita avanzati, anche con normative più severe, non possono garantire il livello di sicurezza che i pazienti riceverebbero all’interno di un ospedale”, ha affermato il dottor Greves.

Ultime Notizie

Back to top button