Gli Stati Uniti sanzionano un uomo russo e tre società per aver evaso le sanzioni

Washington—

Martedì il Tesoro degli Stati Uniti ha imposto sanzioni a un cittadino russo e a tre società con sede in Russia che, secondo lui, stavano cercando di eludere le sanzioni statunitensi in un piano che avrebbe potuto sbloccare più di 1,5 miliardi di dollari appartenenti al magnate russo dei metalli Oleg Deripaska.

Deripaska, che a sua volta è stato sottoposto alle sanzioni statunitensi nell’aprile 2018, si è ramificato nel commercio di metalli mentre l’Unione Sovietica si sgretolava, facendo fortuna acquistando partecipazioni nelle fabbriche di alluminio. Forbes ha classificato la sua fortuna quest’anno a 2,8 miliardi di dollari.

Il Tesoro ha affermato che nel giugno 2023 Deripaska si è coordinata con i cittadini russi Dmitrii Beloglazov, proprietario della società di servizi finanziari con sede in Russia Obshchestvo S Ogranichennoi Otvetstvennostiu Titul (Titul), su una transazione pianificata per vendere le azioni congelate di Deripaska in una società europea.

Nel giro di poche settimane, la società di servizi finanziari con sede in Russia Aktsionernoe Obshchestvo Iliadis è stata fondata come filiale di Titul. All’inizio del 2024, Iliadis ha acquisito la holding di investimenti con sede in Russia International Company Joint Stock Company Rasperia Trading Limited (Rasperia), che detiene le azioni congelate di Deripaska.

Il Tesoro ha affermato che martedì sono state imposte sanzioni a Beloglazov, Titul e Iliadis per aver operato o aver operato nel settore dei servizi finanziari russo. Ha affermato che Rasperia è stata sanzionata per essere posseduta o controllata da, o per aver agito o preteso di agire per conto di Iliadis.

Ultime Notizie

Back to top button