Politica

Gli Stati Uniti sono un outlier mondiale sulle restrizioni all’aborto

Sappiamo che gli Stati Uniti sono un valore anomalo nelle restrizioni all’aborto, ma è ancora sorprendente rendersi conto di quanto.

Negli ultimi due decenni, 50 paesi nel mondo hanno liberalizzato le leggi sull’aborto. Alcune riforme sono ancora restrittive, consentendo l’aborto quando c’è una minaccia per la vita della persona incinta o quando la gravidanza è il risultato di uno stupro. Ma mentre questi cambiamenti hanno portato a ribaltare i divieti totali sull’aborto, gli Stati Uniti stanno andando nella direzione opposta.

La Corte Suprema degli Stati Uniti il ​​24 giugno ha ribaltato la vecchiaia di quasi mezzo secolo Roe contro Wade causa che garantiva il diritto costituzionale all’aborto. La corte ha consentito a 50 singoli stati degli Stati Uniti di vietare l’aborto. Ventisei stati sono certi o considerati in grado di emanare il divieto.

In nessun luogo lo status di anomalia americana è più visibile che tra le nazioni industrializzate. Nei 27 membri dell’Unione Europea, l’aborto è completamente legale in quasi tutti i paesi. Un’eccezione degna di nota è la Polonia, che ha un divieto quasi totale.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau, il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro britannico Boris Johnson “hanno tutti condannato la decisione della Corte Suprema di annullare… [Roe v. Wade]mentre il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, ha affermato che la decisione è stata ‘incredibilmente sconvolgente'”, il Custode segnalato.

Alle Nazioni Unite

Il 24 giugno Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha dichiarato: “La Corte Suprema degli Stati Uniti ha pronunciato Dobbs contro Jackson Women’s Health Organization consegnato oggi rappresenta una grave battuta d’arresto dopo cinque decenni di protezione della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi negli Stati Uniti Roe contro Wade.” Ha aggiunto: “È un duro colpo per i diritti umani delle donne e l’uguaglianza di genere”.

Bachelet ha anche avvertito che “questa decisione toglie tale autonomia a milioni di donne negli Stati Uniti, in particolare quelle a basso reddito e quelle appartenenti a minoranze razziali ed etniche, a scapito dei loro diritti fondamentali”.

Lo stesso giorno, Stéphane Dujarric, portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, ha dichiarato: “La salute e i diritti sessuali e riproduttivi sono il fondamento di una vita di scelta, emancipazione e uguaglianza per le donne e le ragazze del mondo”, aggiungendo: “Restrizioni l’accesso all’aborto non impedisce alle persone di cercare l’aborto; lo rende solo più mortale.

Tuttavia, i 193 paesi membri delle Nazioni Unite non sono unanimi sull’aborto, nonostante l’audace dichiarazione di Bachelet. Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite sulle politiche demografiche mondiali (come interpretato nell’articolo di Wikipedia sulla legge sull’aborto), a partire dal 2017 “l’aborto è consentito nel 98% dei paesi per salvare la vita di una donna. Altri motivi comunemente accettati sono la conservazione della salute fisica (72%) o mentale (69%), nei casi di stupro o incesto (61%) e nei casi di danno fetale (61%). L’aborto per motivi economici o sociali è accettato nel 37% dei paesi. Praticare l’aborto solo sulla base della richiesta di una donna è consentito nel 34% dei paesi, incluso il Canada, la maggior parte dei paesi europei e la Cina”.

Guarda la regola del bavaglio, l’emendamento di Helms

La “regola del bavaglio globale impedisce alle organizzazioni non governative straniere [that seek funding from the US] dall’utilizzare i propri fondi non statunitensi per fornire servizi di aborto, informazioni… o advocacy”, come spiega il Guttmacher Institute, un gruppo di ricerca sulla salute riproduttiva.

La politica globale del bavaglio è stata creata per la prima volta alla conferenza delle donne a Città del Messico nel 1984 e da allora è stata la palla del ping-pong politico negli Stati Uniti, essendo stata “messa in atto dai presidenti repubblicani e revocata da quelli democratici”. “Il presidente Joe Biden ha revocato la regola del bavaglio globale” che il suo predecessore Donald Trump aveva imposto; ma “questa è solo una soluzione a breve termine”, afferma il Guttmacher Institute.

Qualsiasi futuro Congresso o presidente degli Stati Uniti può reimporre la regola del bavaglio con un tratto di penna. Esiste ancora l’emendamento Helms al Foreign Assistance Act, che ha vietato al governo federale degli Stati Uniti di fornire supporto per i servizi di aborto in tutto il mondo, anche nei paesi in cui l’aborto è legale. Ad esempio, ciò impedisce all’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale di aiutare i servizi di pianificazione familiare.

La risposta è una nuova legislazione, come il Global Health, Empowerment and Rights Act, che porrebbe fine all’interferenza degli Stati Uniti in ciò che le organizzazioni fanno con i propri soldi. È ancora sul tavolo alla Camera e al Senato.

Come afferma Human Rights Watch: “L’accesso all’aborto sicuro e legale è una questione di diritti umani e la sua disponibilità è il modo migliore per proteggere l’autonomia e ridurre la mortalità e morbilità materna”.

Ultime Notizie

Back to top button