Cultura

Good for Business, una maledizione per l’ambiente e le persone

Il fast fashion è una tendenza che ha preso il sopravvento nel mondo della vendita al dettaglio di abbigliamento, soprattutto tra i più giovani. E con il miglioramento della qualità della vita nei paesi in via di sviluppo, i giovani di tutto il mondo possono permettersi di acquistarne sempre di più, guidandone incessantemente la produzione.

Gli indumenti prodotti rapidamente in questo modo sono spesso di bassa qualità, prodotti in serie senza controllo di qualità e, naturalmente, più economici. Le tendenze sono così di breve durata che i capi spesso finiscono in discarica dopo un breve lasso di tempo, a volte dopo solo 7-10 usure. Peggio ancora, i giovani acquistano spesso un capo per un’occasione specifica e pianificano di indossarlo solo una volta. L’influencer Sukaina Benzakour afferma: “Diciamo solo che indossare un outfit più di una volta è visto come un crimine di moda”. Il fast fashion è nemico della sostenibilità e dell’ecocompatibilità.

L’industria della moda rappresenta fino al 10% della produzione globale di anidride carbonica. La produzione tessile si basa su una plastica petrolchimica da creare ed è il secondo gruppo di prodotti più grande realizzato con materie plastiche petrolchimiche. Inoltre, il poliestere, ampiamente indossato negli anni ’70 e oggetto di innumerevoli battute sulla sua viscosità, una fibra sintetica derivata dal petrolio, ha ora dominato sulle fibre naturali come il cotone. Si prevede che la produzione di poliestere supererà i 92 milioni di tonnellate nei prossimi 10 anni, continuando l’utilizzo di combustibili fossili.

In passato, le aziende di moda rilasciavano le loro nuove collezioni a un ritmo più lento durante tutto l’anno, in particolare suddivise in quattro stagioni: autunno, inverno, primavera ed estate. The Good Trade spiega che, dopo aver lavorato mesi per produrre la collezione dell’ultima stagione, designer e marchi avrebbero concesso all’alta società il primo ed esclusivo accesso ad essa. Solo allora “la collezione” sarebbe scesa nella scala sociale. I capi erano realizzati con fibre naturali come cotone, seta e lana ed erano resistenti.

Non è stato fino agli anni ’60 che è stato introdotto un assaggio di quella che in seguito sarebbe stata riconosciuta come una moda passeggera. Questo fenomeno era noto come abbigliamento di carta, una forma di abbigliamento realizzato con un tessuto simile alla carta destinato ad essere usa e getta. Il fast fashion è cresciuto e ha raggiunto un “punto di non ritorno” a partire dagli anni 2000. Oggi, molti marchi di produzione veloce come Zara, H&M, Uniqlo e Forever 21, introducono quelle che The Good Trade ha descritto come 52 “micro-stagioni” all’anno, che essenzialmente equivalgono a una nuova collezione alla settimana. Se fai acquisti in uno di questi negozi o anche in Target o Old Navy, sai quanto velocemente si muove la merce. Qui oggi, andato domani.

Né l’impatto negativo del fast fashion è solo sull’ambiente, è altrettanto negativo per chi fa i capi, quasi sempre in paesi in via di sviluppo come Vietnam, Bangladesh o Filippine. La sua produzione spesso paga salari bassi e insostenibili ai suoi lavoratori in outsourcing – in alcuni casi impiega anche lavoro minorile – e il lavoro è a volte in condizioni orribili. “Il fast fashion è stato storicamente, costantemente collegato al lavoro minorile e condizioni di lavoro estremamente pericolose”. È questo sfruttamento delle risorse del pianeta e dei suoi esseri umani che permette di acquistare una maglietta a 6 dollari o un vestito a 10 dollari.

Tutto ciò è in contrasto con la moda lenta, che sebbene ti costi di più all’acquisto iniziale, è più ecologica per l’ambiente, durerà più a lungo, avrà un aspetto migliore e pagherà uno stipendio decente all’uomo o alla donna che l’ha realizzata per te. La scelta è chiara.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button