Esteri

Grano affare ‘vittoria per la diplomazia’, dice il capo delle Nazioni Unite ai giornalisti in Ucraina

Parlando in una conferenza stampa insieme ai presidenti Volodymyr Zelenskyy e Recep Tayyip Erdoğan di Türkiye, ha espresso gratitudine per l’opportunità di visitare “di nuovo durante un periodo così difficile”.

Nonostante la Black Sea Grain Initiative sia stata firmata poche settimane fa, il capo delle Nazioni Unite ha ribadito che “non c’è soluzione alla crisi alimentare globale senza garantire il pieno accesso globale ai prodotti alimentari dell’Ucraina e al cibo e ai fertilizzanti russi”.

Assistenza in cammino

In meno di un mese, 21 navi sono partite dai porti ucraini e 15 navi hanno lasciato Istanbul per l’Ucraina per fare il carico di grano e altre forniture alimentari, ha riassunto Guterres.

“Mentre parliamo, più di 560.000 tonnellate di grano e altri alimenti prodotti dagli agricoltori ucraini stanno arrivando ai mercati di tutto il mondo”, ha affermato, inclusa la prima nave noleggiata dalle Nazioni Unite che trasporta grano ucraino alle persone che soffrono nel Corno di L’Africa dalla peggiore siccità degli ultimi decenni.

Nel frattempo, sono emersi segnali che indicano che i mercati alimentari globali stanno iniziando a stabilizzarsi poiché i prezzi del grano sono scesi dell’8% in seguito alla firma degli accordi e dell’Indice FAO dei prezzi alimentari del 9% a luglio, il calo più grande dal 2008.

Sebbene la maggior parte dei prodotti alimentari siano attualmente scambiati a prezzi inferiori ai livelli prebellici, sono ancora molto alti.

“Non facciamoci illusioni: c’è ancora molta strada da fare prima che questo si traduca nella vita quotidiana delle persone nelle loro panetterie locali e nei loro mercati”, ha precisato l’alto funzionario delle Nazioni Unite, ricordando che “le catene di approvvigionamento sono ancora interrotte [and] i costi dell’energia e dei trasporti restano inaccettabilmente elevati”.

Solo l’inizio

Notando la rarità e la fragilità intrinseca degli accordi, il Sig. Guterres ha sostenuto che essi devono essere “costantemente nutriti”.

Mentre il Joint Coordination Center (JCC) continua a lavorare professionalmente e in buona fede per mantenere il cibo in circolazione, ha fatto appello affinché le persone coinvolte “superino tutti gli ostacoli in uno spirito di compromesso e risolvano permanentemente tutte le difficoltà”.

“Portare cibo e fertilizzanti fuori dall’Ucraina e dalla Russia in quantità maggiori è fondamentale per calmare ulteriormente i mercati delle materie prime e abbassare i prezzi”, ed è essenziale per fornire sollievo ai più vulnerabili”.

Il capo delle Nazioni Unite ha sottolineato l’urgenza di invertire la turbolenza nel mercato globale dei fertilizzanti, che attualmente sta minacciando i raccolti della prossima stagione, compreso un alimento base mondiale, il riso.

Nel frattempo, le Nazioni Unite continueranno a essere solidali con il popolo ucraino e i partner nazionali per aiutare a fornire sostegno umanitario alle persone bisognose “ovunque sia necessario”, ha affermato.

“Faremo del nostro meglio per aumentare le nostre operazioni per affrontare il difficile inverno che verrà”.

Problema di guerra

“Il cuore del problema che ci porta qui resta la guerra”, ha ricordato il Segretario generale, ribadendo che l’invasione russa è “una violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina” e della Carta dell’Onu.

La guerra ha inflitto innumerevoli morti, massicce distruzioni, sfollamenti e drammatiche violazioni dei diritti umani, ha affermato, aggiungendo che in linea con la Carta e il diritto internazionale, “le persone hanno bisogno di pace”.

Minaccia nucleare

L’alto funzionario delle Nazioni Unite ha espresso la sua grave preoccupazione per l’evolversi della situazione dentro e intorno alla più grande centrale nucleare d’Europa a Zaporizhzhia.

“Deve prevalere il buon senso per evitare qualsiasi azione che possa mettere in pericolo l’integrità fisica, la sicurezza o l’incolumità della centrale nucleare”, ha affermato, aggiungendo che la struttura “non deve essere utilizzata come parte di alcuna operazione militare”.

Il signor Guterres ha sostenuto l’urgente necessità di un accordo per “ristabilire Zaporizhhia come infrastruttura puramente civile” e garantire la sicurezza dell’area.

Dopo aver effettuato una valutazione, con l’accordo di Russia e Ucraina, il Segretariato delle Nazioni Unite ha stabilito di poter supportare il supervisore nucleare dell’Organizzazione, l’AIEA, nel condurre una missione presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia da Kiev.

Il capo delle Nazioni Unite ha sottolineato che l’equipaggiamento e il personale militare dovrebbero essere ritirati dall’impianto, nessun’altra forza o equipaggiamento dovrebbe essere dispiegato lì e l’area deve essere smilitarizzata.

“Ogni potenziale danno a Zaporizhzhia è un suicidio”, ha sottolineato.

Foto delle Nazioni Unite/Mark Garden

Il segretario generale António Guterres (a sinistra) incontra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Lviv, in Ucraina.

prigionieri di guerra

Il Segretario generale ha anche richiamato l’attenzione sull’indagine su un incidente “inaccettabile” in un centro di detenzione di Olenivka il 29 luglio, quando una misteriosa esplosione ha squarciato una prigione che ospitava centinaia di detenuti ucraini.

“Tutti i prigionieri di guerra sono protetti dal diritto umanitario internazionale”, ha ricordato, aggiungendo che la Croce Rossa internazionale “deve avervi accesso ovunque siano tenuti”.

Missione conoscitiva

In questo contesto, il capo delle Nazioni Unite ha deciso di istituire una missione conoscitiva, i cui termini di riferimento sono stati condivisi con Ucraina e Russia insieme alla composizione della squadra, inclusa la sua intenzione di nominare il generale Carlos dos Santos Cruz del Brasile per guidare questa missione.

È attualmente in corso l’ottenimento delle garanzie necessarie per garantire l’accesso sicuro a Olenivka ea qualsiasi altro luogo rilevante.

“Per dirla semplicemente, una missione conoscitiva deve essere libera di trovare i fatti. Il team deve essere in grado di raccogliere e analizzare le informazioni necessarie”, ha affermato.

“Soprattutto, ciò significa un accesso sicuro, protetto e illimitato a persone, luoghi e prove senza alcuna interferenza da parte di nessuno”.

In chiusura, il Segretario Generale ha assicurato al Presidente Zelenskyy il sostegno dell’Onu nella promozione dei “diritti umani, del diritto internazionale e della causa della pace”.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button