Mondo

Gvardiol brilla ai Mondiali mentre la Croazia vince la partita per il 3 ° posto

AL RAYYAN, Qatar —

In quella che potrebbe essere stata l’ultima partita della Coppa del Mondo di Luka Modric, Josko Gvardiol ha giocato per essere il prossimo ragazzo di riferimento della Croazia.

Modric è stato l’uomo di mezzo per la Croazia per più di un decennio, guidando la squadra alla finale della Coppa del Mondo quattro anni fa e alle semifinali del torneo di quest’anno. Ma a 37 anni, il suo tempo al vertice sta sicuramente volgendo al termine.

Modric è stato ancora una volta centrale nella vittoria per 2-1 della Croazia sul Marocco per il terzo posto ai Mondiali di sabato, ma è stato Gvardiol a farsi avanti dalle retrovie al Khalifa International Stadium.

“Siamo tornati”, ha detto Gvardiol, riferendosi alla sconfitta di martedì contro l’Argentina in semifinale. “Sapevamo che dovevamo essere concentrati e mostrare grinta. Oggi abbiamo dimostrato di meritare il terzo posto. Torniamo a casa a festeggiare”.

Gvardiol, che indossa una maschera nera dopo essersi rotto il naso durante una partita di Bundesliga il mese scorso, gioca in un ruolo diverso e sembra essere grande quasi il doppio del minuscolo numero 10. Ma a 20 anni ha anche quasi la metà degli anni di Modric e gioca come un veterano piuttosto che come qualcuno che aveva ancora l’età di uno studente delle superiori quando la Croazia ha perso contro la Francia solo quattro anni fa nella finale del 2018.

Soprannominato “Little Pep” a causa delle somiglianze tra il suo cognome e quello dell’allenatore del Manchester City Pep Guardiola, Gvardiol ha segnato il primo gol della Croazia al settimo minuto della partita di sabato con un colpo di testa in tuffo.

Anche la sua testa era coinvolta dall’altra parte del campo. Come difensore centrale che giocava appena dietro Modric, Gvardiol veniva costantemente chiamato a respingere le possibilità del Marocco, a mantenere l’area libera dalle magliette rosse e a tenere la palla fuori dalla porta della sua squadra.

Lo ha fatto e per questo è stato nominato giocatore della partita.

L’allenatore della Croazia Zlatko Dalic, riflettendo sull’imponente presenza di Gvardiol durante il torneo in Qatar, ha detto che il difensore meritava di essere nominato miglior giovane giocatore della Coppa del Mondo.

“Se non il miglior giovane giocatore, deve essere nella competizione per il miglior giovane giocatore”, ha detto Dalic. “Di solito gli attaccanti, i migliori marcatori, sono considerati per questo premio, ma Josko ha dimostrato che i difensori se lo meritano e credo che meriti il ​​premio”.

Gvardiol è alto un metro e ottanta, solo cinque pollici più alto di Modric, ma occupa uno spazio enorme nella difesa della Croazia e ha dimostrato di potersi muovere anche come un giocatore più piccolo.

Correndo in mezzo al campo con la palla tra i piedi nella ripresa, Gvardiol crossa nell’area di rigore opposta con solo il portiere da battere. Il centrocampista marocchino Sofyan Amrabat, invece, sembra aver toccato il piede sinistro di Gvardiol. È caduto in un mucchio e ha chiesto un rigore, ma l’arbitro non l’ha bevuto.

Il marocchino Selim Amallah salta per la palla tra il croato Bruno Petkovic e Nikola Vlasic, a destra, durante la partita di calcio per il terzo posto della Coppa del mondo, a Doha, Qatar, 17 dicembre 2022.

L’omone con la maschera nera non era contento, seduto sull’erba con le braccia in aria prima di rientrare in gioco dall’altra parte, saltando subito per cercare di colpire di testa il pallone fuori pericolo dalla propria porta.

“Penso che ci sia stato un tocco lì”, ha detto Gvardiol del possibile rigore. “Sono un difensore. Questa è la parte peggiore, che non so come cadere.

Gvardiol è stato fondamentale per la forte difesa della Croazia sin dall’inizio in Qatar, con la squadra che ha subito un solo gol in tre partite della fase a gironi. Hanno continuato quel gioco avaro negli ottavi di finale fino a quando non sono stati annullati nella sconfitta per 3-0 contro l’Argentina in semifinale.

Nonostante quanto detto da Dalic, Gvardiol non si è preoccupato del premio individuale, preferendo invece vincere qualcosa con i suoi compagni di squadra.

“Non sono interessato a nessun premio del genere per il miglior giovane giocatore”, ha detto Gvardiol. “Quello che mi interessa è la medaglia di bronzo e ho realizzato il mio sogno”.

Gvardiol è arrivato alla Coppa del Mondo dopo aver recentemente esteso il suo contratto con il club tedesco Lipsia, un accordo che lo legherà alla squadra fino al 2027. Ma alcuni dei più grandi club europei potrebbero avere qualcosa da dire al riguardo con la finestra di mercato di gennaio in arrivo. di settimane.

Ultime Notizie

Back to top button