Ho perso la speranza e la voglia di vivere nella prigione russa, dice il prigioniero di guerra ucraino

Gli ultimi risultati grafici della Commissione internazionale indipendente d’inchiesta sull’Ucraina, creata dal Consiglio per i diritti umani due anni fa, evidenziano il grave impatto in corso dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia il 24 febbraio 2022.

“Ho perso ogni speranza e la voglia di vivere” un soldato ucraino ed ex prigioniero di guerra ha riferito alla Commissione d’inchiesta, descrivendo come fosse stato “ripetutamente sottoposto a tortura e lasciato con ossa rotte, denti rotti e cancrena” su un piede ferito.

Dopo aver tentato il suicidio in una prigione nella città di Donskoy, nella regione di Tula, a sud di Mosca, il soldato ha raccontato come i suoi rapitori “lo hanno sottoposto a ulteriori percosse”, ha detto Erik Møse, presidente della Commissione.

“I resoconti delle vittime vengono rivelati trattamento implacabile e brutale che infligge dolore e sofferenza atroci durante la detenzione prolungata, con palese disprezzo per la dignità umana. Ciò ha portato a traumi fisici e mentali di lunga durata”, ha detto ai giornalisti a Ginevra.

“Lo hanno picchiato sulle natiche nel reparto di isolamento, provocandogli un’emorragia dall’ano”, hanno riferito gli investigatori. “Nel cortile lo hanno picchiato sul viso e ferito al piede, facendolo sanguinare. Gli hanno fatto saltare alcuni denti. Li ha implorati di ucciderlo.

Erik Møse, presidente della Commissione internazionale indipendente d’inchiesta sull’Ucraina (al centro), la commissaria Vrinda Grover (a sinistra) e il moderatore Todd Pitman, OHCHR, in una conferenza stampa a Ginevra

Stupri, percosse

Anche le testimonianze di stupri e altri attacchi sessuali contro le donne “equivalenti a tortura”, hanno affermato i commissari, sottolineando le minacce di stupro contro i prigionieri di guerra maschi e l’uso di scosse elettriche destinate a ferire o umiliare i detenuti.

“Ci sono state percosse, abusi verbali, dispositivi elettronici utilizzati su aree, parti del corpo, c’era un accesso molto limitato al cibo e all’acqua”, ha continuato il signor Møse. “L’intero trattamento riservato ai prigionieri di guerra e il quadro che emerge dal modo in cui sono stati trattati – il modo in cui sono stati trattati per lunghi periodi, mesi – ci permette di usare la parola ‘orribile’”.

Testimonianza grafica

Il rapporto di 20 pagine si basa sulle testimonianze di centinaia di persone al fine di indagare su tutte le presunte violazioni e abusi dei diritti umani e violazioni del diritto umanitario internazionale commessi dalle forze e dalle autorità russe.

La pubblicazione si concentra su assedio e bombardamento indiscriminato di Mariupol all’inizio dell’invasione, l’uso della tortura e dello stupro contro civili, prigionieri di guerra e presunti collaboratori, il Trasferimento illegale di 46 bambini da una struttura di cura a Kherson alla Crimea occupata dai russi nell’ottobre 2022 e la distruzione e il danneggiamento dei tesori culturali protetti.

“Le prove dimostrano che le autorità russe hanno commesso violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario internazionale e corrispondenti crimini di guerra”, ha insistito il commissario Vrinda Grover. “Ulteriori indagini sono necessarie per determinare se alcune delle situazioni individuate possono costituire crimini contro l’umanità.”

Mariupol e la ‘strada verso la morte’

Descrivendo nel dettaglio la dura prova sopportata da tutti gli assediati nella città di Mariupol, nel sud dell’Ucraina, il rapporto rileva come i sopravvissuti siano emersi dai rifugi e “ricordano di aver visto un gran numero di cadaveri per le strade tra le macerie delle loro case e negli ospedali delle città”.

Almeno 58 centri medici sono stati distrutti insieme a 11 centrali elettriche, hanno detto gli investigatori, aggiungendo che le donne fuggite a piedi dalla linea del fronte lo hanno definito “la strada verso la morte” ed espresso a “sensazione pervasiva di paura”.

«Spesso le forze armate russe non sono riusciti a prendere le precauzioni possibili verificare che gli oggetti colpiti non siano civili”, hanno affermato gli esperti di diritti, che lavorano in modo indipendente e non fanno parte del personale delle Nazioni Unite.

Preoccupazioni legate all’intento genocida

Confermando le continue profonde preoccupazioni sulle accuse di intento genocida da parte delle forze d’invasione, la signora Grover ha affermato che l’indagine affidata al Consiglio per i diritti umani “esaminerà ulteriormente” la probabile “incitamento diretto e pubblico a commettere un genocidio” da parte dei media russi.

“Abbiamo esaminato un gran numero di tali dichiarazioni e abbiamo scoperto che molte di esse lo sono usando un linguaggio disumanizzante e incitando all’odio, alla violenza e alla distruzione”, lei disse. “E siamo preoccupati per le dichiarazioni a sostegno dell’invasione russa su vasta scala dell’Ucraina, che chiedono l’uccisione di un gran numero di persone”.

Il rapporto sarà presentato martedì 19 marzo al Consiglio per i diritti umani. Guarda il lancio a Ginevra qui: https://webtv.un.org/en/schedule/2024-03-19

Ultime Notizie

Back to top button