Cultura

I bambini imparano a piangere prima di nascere?

Il pianto è un’abilità di sopravvivenza particolarmente necessaria per i bambini umani, data la loro impotenza alla nascita, ed è il modo in cui attirano l’attenzione del caregiver. Come fa un bambino a sapere piangere appena nasce? Da tempo gli scienziati si chiedono perché, e molti studi sono stati condotti per cercare di trovare una risposta. I primi comportamenti nei bambini sono comunemente descritti come “innati” o “cablati”, ma un team dell’Università di Princeton si è chiesto come si sviluppano esattamente questi comportamenti e quando.

Le somiglianze comportamentali tra umani e primati possono aiutarci a trovare una risposta. Allo stesso modo gli esseri umani appena nati possono piangere non appena nascono, le comuni scimmie uistitì (Callitrix jaccus) producono chiamate di contatto per attirare l’attenzione dei loro caregiver. Quelle vocalizzazioni non sono improvvisate, riferiscono i ricercatori in un preprint pubblicato il 14 aprile su bioRxiv. L’imaging a ultrasuoni dei feti di uistitì rivela che le loro bocche stanno già imitando lo schema caratteristico dei movimenti utilizzato per emettere i loro primi richiami, molto prima della produzione del suono. Si stanno esercitando nel grembo materno.

Il segreto potrebbe risiedere in ciò che sta accadendo prima della nascita. “Le persone tendono a ignorare il periodo fetale”, afferma Darshana Narayanan, neuroscienziata comportamentale che ha condotto la ricerca all’Università di Princeton. “Pensano solo che sia come se il bambino stesse solo vegetando e aspettasse di nascere…. [But] è lì che iniziano molte cose”.

Narayanan e i suoi colleghi si sono rivolti agli uistitì perché lo sviluppo della vocalizzazione nelle scimmie è simile a quello degli umani. Squadre di due persone hanno eseguito ecografie non invasive su due uistitì quasi ogni giorno durante quattro diverse gravidanze. Narayan dice che gli uistitì adorano la lanugine di marshmallow e lo sforzo ne ha comportato molto. “Farebbero qualsiasi cosa per i marshmallow.”

A circa 95 giorni dall’inizio della gravidanza, il viso di un feto appare per la prima volta. Gli ultrasuoni di un uistitì nell’utero mostrano che i movimenti del viso e della bocca del feto sono simili al richiamo di contatto di un bambino, suggerendo che il feto sviluppa le capacità motorie per emettere le sue grida prima di nascere e può produrre suoni. All’inizio era chiaro ai ricercatori che i movimenti della bocca erano simili ai movimenti che un uistitì fa durante una chiamata di contatto, ma questo era prima della nascita e prima che l’uistitì facesse qualsiasi vocalizzazione.

I ricercatori hanno quindi confrontato i movimenti fetali con i richiami di contatto prodotti dagli uistitì infanti dopo la nascita. Man mano che il feto si avvicina alla nascita, i suoi movimenti del viso e della bocca sono diventati sempre più simili a quelli dei richiami di contatto del bambino: prova, afferma il team, che il feto sta sviluppando la capacità per effettuare questo richiamo dopo la nascita. Questo supporta l’idea che le prime grida non “appaiono magicamente”, dice Narayanan. “Hanno un lungo periodo di sviluppo, ma nell’utero”. E date le somiglianze tra umani e primati, gli scienziati ipotizzano che i bambini umani stiano imparando a piangere nel grembo materno allo stesso modo e per lo stesso motivo: attirare l’attenzione del caregiver.

Ultime Notizie

Back to top button