I cambiamenti climatici hanno portato all’estinzione le grandi scimmie, secondo uno studio

Washington—

Un’antica specie di grande scimmia è stata probabilmente portata all’estinzione quando i cambiamenti climatici hanno reso i loro frutti preferiti fuori dalla portata durante le stagioni secche, hanno riferito mercoledì gli scienziati.

La specie Gigantopithecus blacki, che un tempo viveva nel sud della Cina, rappresenta la più grande grande scimmia conosciuta dagli scienziati: alta 3 metri e pesante fino a 650 libbre.

Ma le sue dimensioni potrebbero anche essere state un punto debole.

“È semplicemente un animale enorme, davvero, davvero grande”, ha detto Renaud Joannes-Boyau, ricercatore presso la Southern Cross University in Australia e coautore dello studio pubblicato sulla rivista Nature. “Quando il cibo inizia a scarseggiare, è così grande che non può arrampicarsi sugli alberi per esplorare nuove fonti di cibo.”

Le scimmie giganti, che probabilmente somigliavano ai moderni oranghi, sopravvissero per circa 2 milioni di anni nelle pianure boscose della regione cinese del Guangxi. Mangiavano diete vegetariane, sgranocchiando frutta e fiori nelle foreste tropicali, finché l’ambiente non cominciò a cambiare.

Questa foto fornita dai ricercatori mostra una montagna dove sono stati trovati fossili di Gigantopithcus blacki nelle grotte della regione del Guangxi, nel sud della Cina.

I ricercatori hanno analizzato campioni di polline e sedimenti conservati nelle grotte del Guangxi, nonché denti fossili, per svelare come le foreste producessero meno frutti a partire da circa 600.000 anni fa, quando la regione sperimentava più stagioni secche.

Le scimmie giganti non scomparvero rapidamente, ma probabilmente si estinsero tra 215.000 e 295.000 anni fa, hanno scoperto i ricercatori.

Mentre le scimmie più piccole potrebbero essere state in grado di arrampicarsi sugli alberi per cercare cibo diverso, l’analisi dei ricercatori mostra che le scimmie giganti mangiavano più corteccia d’albero, canne e altri alimenti non nutrienti.

“Quando la foresta è cambiata, non c’era abbastanza cibo preferito dalla specie”, ha detto il coautore Zhang Yingqi dell’Istituto cinese di paleontologia dei vertebrati e paleoantropologia.

La maggior parte di ciò che gli scienziati sanno sulle grandi scimmie estinte deriva dallo studio dei denti fossili e di quattro grandi ossa della mascella inferiore, tutti trovati nel sud della Cina. Non sono stati trovati scheletri completi.

Tra circa 2 e 22 milioni di anni fa, diverse dozzine di specie di grandi scimmie abitavano l’Africa, l’Europa e l’Asia, come dimostrano i reperti fossili. Oggi rimangono solo i gorilla, gli scimpanzé, i bonobo, gli oranghi e gli esseri umani.

Anche se i primi esseri umani sono emersi in Africa, gli scienziati non sanno in quale continente sia nata la famiglia delle grandi scimmie, ha detto Rick Potts, che dirige il programma Human Origins presso il Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian e non è stato coinvolto nello studio.

Ultime Notizie

Back to top button