I cani di Chernobyl possono insegnarci nuovi trucchi sulla sopravvivenza?

Più di 35 anni dopo il peggior incidente nucleare del mondo, i cani di Chernobyl vagano tra edifici abbandonati in rovina all’interno e intorno all’impianto chiuso, in qualche modo ancora in grado di trovare cibo, riprodursi e sopravvivere.

Gli scienziati sperano che lo studio di questi cani possa insegnare agli umani nuovi trucchi su come vivere anche negli ambienti più difficili e degradati.

Venerdì hanno pubblicato il primo di quelli che sperano saranno molti studi di genetica sulla rivista Science Advances, concentrandosi su 302 cani in libertà che vivono in una “zona di esclusione” ufficialmente designata intorno al luogo del disastro. Hanno identificato popolazioni i cui diversi livelli di esposizione alle radiazioni potrebbero averli resi geneticamente distinti l’uno dall’altro e dagli altri cani in tutto il mondo.

“Abbiamo avuto questa occasione d’oro” per gettare le basi per rispondere a una domanda cruciale: “Come sopravvivi in ​​un ambiente ostile come questo per 15 generazioni?” ha detto la genetista Elaine Ostrander del National Human Genome Research Institute, uno dei tanti autori dello studio.

Il coautore Tim Mousseau, professore di scienze biologiche presso l’Università della Carolina del Sud, ha affermato che i cani “forniscono uno strumento incredibile per esaminare gli impatti di questo tipo di ambiente” sui mammiferi in generale.

Il DNA dei cani rivela differenze

L’ambiente di Chernobyl è singolarmente brutale. Il 26 aprile 1986, un’esplosione e un incendio nella centrale elettrica ucraina provocarono la fuoriuscita di ricadute radioattive nell’atmosfera. Trenta lavoratori sono stati uccisi subito dopo, mentre si stima che il bilancio delle vittime a lungo termine per avvelenamento da radiazioni alla fine ammonti a migliaia.

I ricercatori affermano che la maggior parte dei cani che stanno studiando sembrano discendere da animali domestici che i residenti sono stati costretti a lasciare quando hanno evacuato l’area.

Yevgeny Markevich, un ex insegnante di 85 anni, parla al suo cane mentre si prepara a guidare nella zona di esclusione di Chernobyl, Ucraina, 14 aprile 2021.

Mousseau lavora nella regione di Chernobyl dalla fine degli anni ’90 e ha iniziato a raccogliere sangue dai cani intorno al 2017. Alcuni dei cani vivono nella centrale elettrica, un ambiente industriale distopico. Altri sono a circa 15 chilometri (9 miglia) o 45 chilometri (28 miglia) di distanza.

All’inizio, ha detto Ostrander, pensavano che i cani potessero essersi mescolati così tanto nel tempo che sarebbero stati più o meno gli stessi. Ma attraverso il DNA, potrebbero facilmente identificare i cani che vivono in aree ad alto, medio e basso livello di esposizione alle radiazioni.

“È stata una pietra miliare enorme per noi”, ha detto Ostrander. “E la cosa sorprendente è che possiamo persino identificare le famiglie” – circa 15 diverse.

Ora i ricercatori possono iniziare a cercare alterazioni nel DNA.

“Possiamo confrontarli e possiamo dire: ‘OK, cosa c’è di diverso, cosa è cambiato, cosa è mutato, cosa si è evoluto, cosa ti aiuta, cosa ti ferisce a livello di DNA?'”, ha detto Ostrander. Ciò comporterà la separazione dei cambiamenti del DNA non consequenziali da quelli intenzionali.

I dati possono fornire informazioni

Gli scienziati hanno affermato che la ricerca potrebbe avere ampie applicazioni, fornendo approfondimenti su come gli animali e gli esseri umani possono vivere ora e in futuro nelle regioni del mondo sotto “continui attacchi ambientali” e nell’ambiente ad alta radiazione dello spazio.

La dottoressa Kari Ekenstedt, veterinaria che insegna alla Purdue University e non è stata coinvolta nello studio, ha affermato che si tratta di un primo passo per rispondere a domande importanti su come l’esposizione costante a livelli più elevati di radiazioni influisca sui grandi mammiferi. Ad esempio, ha detto: “Cambierà i loro genomi a un ritmo rapido?”

Un cane riposa su un tavolo in una piazza nella città parzialmente abbandonata di Chernobyl, Ucraina, 26 aprile 2022.

I ricercatori hanno già iniziato la ricerca di follow-up, che significherà più tempo con i cani nel sito a circa 100 chilometri (60 miglia) da Kiev. Mousseau ha detto che lui ei suoi colleghi sono stati lì di recente lo scorso ottobre e non hanno visto alcuna attività legata alla guerra. Mousseau ha detto che la squadra si è avvicinata ad alcuni cani, nominando un Prancer perché saltella eccitata quando vede le persone.

“Anche se sono selvaggi, amano ancora molto l’interazione umana”, ha detto, “Soprattutto quando c’è di mezzo il cibo”.

Ultime Notizie

Back to top button