Politica

I cittadini del Kazakistan approvano gli emendamenti costituzionali in un referendum a livello statale

La Commissione Referendum Centrale del Kazakistan ha annunciato il 6 giugno i risultati ufficiali preliminari di un referendum a livello statale sull’adozione degli emendamenti alla Costituzione che determineranno il futuro del Paese dell’Asia centrale, proposti all’inizio di quest’anno dal Presidente del Paese dell’Asia centrale Kassym-Jomart Tokayevrilevando che il 77,18% degli elettori nel referendum del 5 giugno ha approvato le modifiche proposte.

Il voto apre la strada alla modifica di 33, ovvero un terzo degli articoli del documento inizialmente adottato nel 1995. Le riforme sono state promosse in quanto ribaltano in modo significativo i controlli e gli equilibri nella struttura politica kazaka lontano da un sistema superpresidenziale rafforzando le competenze del Parlamento e le autorità locali, nonché i meccanismi di protezione dei diritti umani.

“Il calcolo delle schede elettorali in tutti i 10.012 seggi elettorali operanti nel Paese e all’estero è stato ora completato. Secondo la legge, il referendum è considerato valido se più del 50% dei cittadini aventi diritto al voto lo ha fatto in più di due terzi delle regioni del Paese”, ha affermato il presidente della Commissione referendaria centrale Nurlan Abdirov, annunciando i risultati ufficiali preliminari di il voto sulla base delle copie elettroniche dei protocolli ricevuti da tutte le commissioni territoriali per il referendum. ‘Su 11.734.642 cittadini aventi diritto al voto, si considera che 7.986.293 abbiano votato, [meaning] un’affluenza del 68,06%… Quindi il referendum può ritenersi valido… Il [share] di cittadini ad aver risposto “Sì” alla domanda posta al referendum è stato il 77,18%, ovvero 6.163.863 cittadini, la maggioranza assoluta in ogni regione del Paese. Pertanto, le condizioni della legge sono state soddisfatte”, ha aggiunto.

Allo stesso tempo, il 18,66% degli elettori ha risposto “No”, mentre un ulteriore 4,16% dei voti espressi è stato riconosciuto non valido.

Vice Premier e Ministro degli Esteri del Kazakistan Mukhtar Tileuberdi ha evidenziato l’importanza del voto nazionale a favore degli emendamenti alla Costituzione. “Il referendum è stato un momento storico per il Kazakistan. Gli emendamenti approvati alla Costituzione segnano una nuova fase nello sviluppo della nostra statualità poiché mirano chiaramente a rafforzare i meccanismi di protezione dei diritti umani e le istituzioni democratiche in Kazakistan”, ha affermato Tileuberdi.

Il ministro degli Esteri del Kazakistan ha osservato che questi cambiamenti si tradurranno in una maggiore concorrenza nel sistema politico del nostro paese e in una maggiore partecipazione dei cittadini al governo dello stato. “Un cambiamento importante sarà il divieto definitivo e inequivocabile della pena di morte, da scrivere chiaramente nella Costituzione rinnovata, in linea con il nostro impegno secondo il Secondo Protocollo Opzionale al Patto di Riforme Civili e Politiche del 1966 che il nostro Parlamento ha ratificato l’anno scorso”, ha detto Tileuberdi.

“Accogliamo con favore l’elevata affluenza alle urne e la decisione dei nostri connazionali di sostenere queste riforme, che avranno un impatto positivo sulla vita di ogni cittadino. Siamo inoltre grati a numerosi osservatori nazionali e stranieri per il monitoraggio del referendum, che ci ha aiutato a svolgerlo in modo equo e trasparente, in linea con gli standard ei principi democratici. Pertanto, vediamo questo come un chiaro sostegno da parte della comunità internazionale per questo referendum e l’agenda di riforma del presidente Tokayev. In effetti, questo è solo il primo passo verso la costruzione di un Nuovo Kazakistan”, ha affermato Tileuberdi, aggiungendo: “Ci attende un lavoro significativo per attuare gli emendamenti a livello costituzionale e legislativo e non vediamo l’ora di lavorare con tutti i nostri partner mentre entriamo in un nuovo capitolo della storia moderna del Kazakistan”.

Come notato in precedenza, gli emendamenti approvati incideranno su un terzo della Costituzione (33 articoli). La loro attuazione faciliterà una trasformazione globale dell’intero modello statale del Kazakistan, inclusa la transizione da una forma di governo “super-presidenziale” a una repubblica presidenziale con un parlamento influente e un governo responsabile. Inoltre, saranno ridotti i poteri del Presidente, si rafforzerà significativamente il ruolo del parlamento e degli enti locali e si rafforzeranno i meccanismi di tutela dei diritti umani, anche ricostituendo la Corte costituzionale e conferendo mandato costituzionale a il Commissario per i diritti umani.

In precedenza, Tokayev ha affermato che l’obiettivo principale della riforma costituzionale è “la democratizzazione del paese e l’ampliamento delle opportunità per le persone di partecipare al governo”.

“Oggi è una giornata storica importante per il nostro Paese, anzi. Le persone stanno prendendo una decisione fatale”, ha detto Tokayev il 5 giugno, aggiungendo: “Non c’è costrizione. Il referendum è stato organizzato ad alto livello”.

Ultime Notizie

Back to top button